Efferata rapina in città: calci e pugni su anziana. Si spacciano per impiegati Amam

Albano copiaUn appartamento di Via Santa Cecilia, centro città, pieno giorno, ieri mattina. Una donna, 73 anni, è sola in casa. Qualcuno lo sa. Un uomo e una donna, due senza scrupoli, che decidono che quell’anziana è la vittima giusta. E’ lei a suonare alla porta di quell’appartamento, alla proprietaria, che dall’altra parte chiede “chi è”, risponde: “Sono un’impiegata dell’Amam, devo parlare con lei per la bolletta”. E’ donna, dell’Amam, tanto basta all’anziana perchè si fidi…e apre la porta di casa. Immediata l’aggressione. La falsa impiegata non è sola, c’è un uomo con lei, e in due, con ferocia, sferrano calci e pugni sulla 73enne, tentano anche di immobilizzarla con del nastro adesivo. Poi setacciano la casa. Cercano soldi, non ne trovano, ma recuparano preziosi, gioielli, e visto che la vittima urla a più non posso, fuggono. Scappano in strada, ma è una mattina di un giorno feriale, nel cuore della città, e la gente c’è. I due criminali in fuga sono descritti nell’abbigliamento, nella statura, alla Polizia, sezione Volanti. Lei viene catturata qualche centimaio di metri dopo. Si chiama Angela Albano, ha 40 anni, ed è nota alle forze dell’Ordine per precedenti penali nel settore sostanze stupefacenti. Adesso è in carcere,  accusata di rapina aggravata e lesioni in concorso. Si cerca ancora il complice. La vittima di questo crimine inutilmente violento, trasportata in ospedale, ha avuto una prognosi di 10 giorni.

(40)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *