Condanna definitiva per l’uomo che ebbe rapporti sessuali con un 13enne

polizia altra bellaDopo 12 anni dai fatti arriva il carcere per G.L.M., 51 anni, arrestato dagli agenti del Commissariato di Sant’Agata di Militello per avere avuto rapporti sessuali con un minore di 14 anni, e questo accadeva nel 2002.
La Cassazione, terza sezione penale, ha confermato la sentenza con la quale, nel 2012, la Corte d’Appello di Messina aveva condannato l’uomo a 2 anni e 3 mesi e all’interdizione perpetua da qualsiasi ufficio attinente alla tutela ed alla curatela.
Veniva condannato per aver intrattenuto, nel 2002, rapporti sessuali con un ragazzo all’epoca dei fatti minore di 14 anni.  Un numero di telefono scritto sulle pareti di un bagno della stazione ferroviaria di Sant’Agata era stato il contatto attraverso il quale erano iniziati i rapporti tra l’uomo ed il giovane.
Le indagini, condotte da personale del Commissariato di Sant’Agata di Militello e coordinate dalla Procura della Repubblica di Patti, avevano evidenziato che i rapporti si consumavano sempre in bagni o altre pertinenze delle stazioni ferroviarie di Sant’Agata, Torrenova o Capo d’Orlando, sino a quando la vittima, disperata, ha deciso di raccontare tutto alla madre.
A stabilire la credibilità di quanto denunciato furono le perizie psico-fisiche sul ragazzo e i tabulati  telefonici che confermavano i ripetuti contatti attraverso cabine pubbliche. Il ragazzo mostrò anche un biglietto nel quale l’imputato gli aveva trascritto il proprio numero di cellulare. Ricostruzioni dei fatti che ha quindi indotto la Cassazione a confermare la sentenza di condanna già emessa dalla Corte d’Appello.

(32)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *