Auto bruciate alla Albino Luciani. L’autore un alunno scontento

polizia altra bellaForse una bocciatura, oppure un voto basso. Ci sarebbe questo alla base del rogo che lo scorso martedì ha destato panico tra gli alunni, i docenti, il personale della scuola Albino Luciani, ( ma anche tra gli abitanti della zona), che alle 10 del mattino hanno udito un forte boato: erano due auto in fiamme. Una, Mercedes Cabrio appartenente ad una professoressa dello stesso plesso scolastico, Argentina Sangiovanni; l’altra, una Bmw, di un pensionato residente in quella via. Altre vetture sono state danneggiate.
Alla Squadra Mobile sono bastate appena 36 ore per chiudere il cerchio e identificare l’autore del gesto: un minorenne, alunno della Albino Luciani. Un ragazzino che, appare evidente, voleva colpire l’auto della prof. L’altra vettura coinvolta, la Bmw del pensionato, è stata una sfortunata coincidenza: era vicina all’obiettivo del ragazzino. A consentire la sua identificazione sono state le dichiarazioni di alcuni studenti, in parte parole dette a mezza voce, ipotesi, congetture, ma agli investigatori non è occorso molto per capire che, dietro quel rogo, c’era la ritorsione di un ragazzino furioso.

(57)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *