Associazione a delinquere e corruzione: l’ex pm Longo resta in carcere

Foto dell'ex pm di Siracusa Giancarlo LongoIl suo legale aveva chiesto gli arresti domiciliari ma l’ex pm di Siracusa Giancarlo Longo, arrestato lo scorso 7 febbraio per i reati di associazione a delinquere e corruzione, resta in carcere.

A deciderlo il gip di Messina, Maria Ventimiglia, dopo l’interrogatorio di garanzia che, a quanto pare, avrebbe rafforzato il quadro indiziario a carico dell’ex pm.

Secondo la Procura di Messina, a capo di una maxi indagine che ha portato all’arresto di 15 persone tra la Città dello Stretto e Roma, l’ex pm Longo avrebbe ricevuto 88 mila euro e due soggiorni di lusso in regalo per favorire i clienti degli avvocati siracusani Piero Amara e Giuseppe Calafiore.

 

(202)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *