Arresto Cateno De Luca, oggi la sentenza: «Io non sono colpevole, sono vittima»

Foto di Cateno De LucaSacco Fiumedinisi. Arriverà oggi la decisione conclusiva sul processo che vede imputato il neo deputato Cateno De Luca, arrestato per evasione fiscale giorno 8 novembre.

«Io non sono colpevole di concussione come mi accusa la procura – ha dichiarato De Luca durante l’udienza del processo tenutasi ieri , 9 novembre – io sono vittima di estorsione da parte di chi mi ha denunciato perché mi hanno proposto una transazione e un avvocato non fa una transazione senza che lo sappiano i suoi clienti».

De Luca è accusato di falso, abuso d’ufficio e tentativo di concussione, reati commessi tra il 2004 e il 2010 nell’ambito del programma di opere di riqualificazione urbanistica e sviluppo dell’occupazione a Fiumedinisi, comune di cui era sindaco.

Il neo deputato all’ARS è stato arrestato nel giugno del 2011 con l’accusa, da parte della Procura di Messina, di aver favorito le imprese edilizie della sua famiglia. Le indagini vertevano sulla costruzione di un albergo con centro benessere e la realizzazione di centri di formazione del CAF Fenapi.

Sabato mattina, invece, De Luca sarà interrogato per la nuova vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto insieme con Carmelo Satta, per la quale è stato arrestato l’8 novembre scorso.

Cateno De Luca è difeso dal legali Carlo Taormina e Tommaso Micalizzi.

 

(215)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *