Ancora un albero caduto, pericolo scampato in Via T.Cannizzaro

albero-caduto-via-tommaso-cannizzaroAncora un albero caduto per le vie della città La scorsa notte un Ficus si è schiantato al suolo in via Tommaso Cannizzaro, a pochi metri dall’incrocio con la circonvallazione. I rami del ficus hanno danneggiato lievemente una Smart parcheggiata nelle vicinanze. Per fortuna nessun passante si trovava in zona, altrimenti le conseguenze sarebbero potuto essere più gravi.

E’ stato repentino l’intervento dei Vigili del Fuoco sul posto per rimuovere l’arbusto. Ma non è la prima volta che accade una cosa del genere e questi incidenti creano spesso gravi disagi ai cittadini, soprattutto se avvengono in zone molto trafficate.  L’amministrazione comunale è da mesi impegnata in un’attività di monitoraggio degli alberi a rischio schianto. Ma evidentemente qualcosa continua a non funzionare.

Sulla questione è intervenuto il presidente della IV Circoscrizione Francesco Palano Quero. “Nell’autunno del 2014 queste piante furono oggetto di potatura, che molte perplessità avevano sollevato. La IV Circoscrizione, facendo proprie le istanze di molti residenti, chiese chiarimenti al Dipartimento Verde pubblico, responsabile della Direzione lavori, e al consulente esperto del Sindaco, dott. Alessandro Giaimi, il quale trasmise una perizia che così concludeva: <<…Questo modo di condurre le potature, purtroppo non nuovo nel Comune di Messina, a parere dello scrivente ha anche amplificato il grado di potenziale pericolo, sia nel breve che nel medio periodo. Le conseguenze più immediate consistono nel fatto che i rami secchi interni, non più protetti dalle sollecitazioni del vento a causa dell’asportazione dell’apparato fogliare nei quattro lati, saranno maggiormente suscettibili di caduta. Anche il grado di stabilità dei rami verdi, ma troppo filati, sarà inferiore. A medio termine, invece, è lo stato di salute generale degli alberi a potere essere compromesso, con aumento della possibilità di schianti”.

(249)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *