Via Tommaso Cannizzaro: il marciapiede non sarà più un parcheggio

11535892_948778095166150_8029258365524725285_nIl caos legato alla sosta selvaggia in via Tommaso Cannizzaro dovrebbe avere i giorni contati. Il Dipartimento Mobilità del Comune ha infatti cambiato le regole: non sarà più possibile parcheggiare a spina di pesce con le ruote (o spesso l’intero veicolo) sul marciapiede. Oggi avranno inizio i lavori che prevederanno, inoltre, l’installazione di appositi archetti pedonali.

Si è dunque arrivati finalmente ad un risultato così importante e tanto atteso, nulla osta più il diritto di tutti gli esercenti della via a poter richiedere e ottenere l’autorizzazione ad occupare il suolo pubblico prospiciente la propria attività. L’ordinanza sbroglia la matassa burocratica, che fino ad oggi ha negato ai commercianti della Via Tommaso Cannizzaro la possibilità di poter ottenere l’autorizzazione tanto attesa e mai arrivata, che ha causato un notevole danno economico a molti di essi.

L’ordine è stato dunque ristabilito grazie ad un tavolo tecnico, risalente ormai all’Ottobre scorso, che ha formalizzato il corretto iter da seguire, al quale parteciparono il Sindaco, L’Assessore Patrizia Panarello -che ha portato avanti con forza questo caso volendo a tutti i costi arrivare ad una definitiva soluzione-, il Dirigente alla Mobilità, e un delegato del Dirigente al Patrimonio.

Soddisfatto Daniele Travisano, consigliere della IV Circoscrizione che ha fin dall’inizio sposato la causa e spronato sottotraccia gli uffici a risolvere l’annosa questione.  “Una determinante svolta ad una vicenda che ormai si protrae da troppo tempo -non ci aspettiamo altro che gli uffici competenti prendano immediatamente atto della modifica apportata dalla mobilità urbana così come richiesto, e procedano al rilascio delle autorizzazioni” .

Inoltre – prosegue il Consigliere Travisano – oltre al fatto positivo per gli esercenti che finalmente potranno regolamentare la loro posizione, con questo provvedimento la via T. Cannizzaro si avvia a diventare un elegante percorso che fra “localini” e “ritrovi” mette in collegamento importanti siti di interesse storico-culturale quali: l’Università, le Mura di Carlo V, la Scalinata S. Barbara, l’Orto Botanico”.

Proprio a questo proposito, la Confesercenti considera quest’ordinanza della mobilità urbana un primo importante passo per la realizzazione del progetto “I Love Cannizzaro” , accantonato proprio per i problemi burocratici di cui sopra, che mira a incentivare e sviluppare le enormi potenzialità della Via Tommaso Cannizzaro proprio grazie alla collaborazione tra tutti gli esercenti della via, con lo scopo di rendere una semplice via di transito un fiore all’occhiello della Città in cui storia e cultura si sposano con commercio e aggregazione giovanile.

 

(912)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *