UniMe. Al via il bando per la formazione degli insegnanti di sostegno

È online il bando di concorso per prendere parte ai percorsi di formazione dell’Università degli studi di Messina indirizzati a chi vuole diventare insegnante di sostegno. 461 i posti in totale.

Il bando del IV ciclo per l’accesso ai percorsi di formazione finalizzati al conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità fa riferimento all’anno accademico 2018/2019 e prevede che i 461 posti siano così distribuiti nei quattro ordini di scuola:

  • scuola dell’infanzia – 52 posti;
  • scuola primaria – 208 posti;
  • scuola secondaria I grado – 97 posti;
  • scuola secondaria II grado– 104 posti.

Requisiti

I candidati interessati a intraprendere il percorso per diventare insegnanti di sostegno devono possedere, in base all’ordine scolastico di riferimento, i seguenti requisiti:

  • scuola dell’infanzia e primaria – titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente; diploma magistrale, ivi compreso il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico con valore di abilitazione e il diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002;
  • scuola secondaria di I e II grado –  abilitazione all’insegnamento su una specifica classe di concorso richiesta per il grado di scuola per il quale il candidato intenda conseguire la specializzazione per le attività di sostegno didattico ovvero il possesso dei requisiti previsti al comma 1 o al comma 2 dell’articolo 5 del Decreto Legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 con riferimento alle procedure distinte per la scuola secondaria di I o II grado, nonché gli analoghi titoli di abilitazione conseguiti all’estero e riconosciuti in Italia ai sensi della normativa vigente (in particolare: possesso congiunto del titolo coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione della selezione, comprensivo dei requisiti curriculari ex D.P.R. n. 19/2016 e D.M. n. 259/2017, e dei 24 cfu di cui al D.M. n. 616/2017, già certificati da un’Istituzione universitaria o accademica).
  • Ai sensi dell’art. 5, comma 1 del D.M. n. 92/2019, costituisce altresì titolo di accesso alle distinte procedure per la scuola secondaria di I e di II grado, il possesso del titolo di accesso a una delle classi di concorso del relativo grado e l’aver svolto, nel corso degli otto anni scolastici precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione, almeno tre annualità di servizio, anche non successive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione.

Maggiori dettagli in merito ai requisiti di accesso, in particolare per coloro che hanno conseguito il titolo abilitante all’estero e per coloro che sono interessati ai posti di insegnante tecnico-pratico, sono contenuti all’interno del bando di concorso consultabile a questo link.

Tempi e modi

Il bando indirizzato agli aspiranti insegnanti di sostegno è stato aperto e pubblicato nelle scorse ore sul sito dell’Università degli Studi di Messina. Sarà possibile presentare domanda tramite il Portale delle Segreterie Studenti online (Esse3) fino alla scadenza fissata alle 23.59 del 27 marzo 2019.

Il concorso prevede il versamento di una quota di partecipazione, un test preliminare d’accesso, una prova scritta e una prova orale. I test preliminari si terranno il 15 e il 16 aprile 2019 secondo il calendario sotto riportato:

  • 15 aprile 2019 ore 8.30 scuola dell’infanzia;
  • 15 aprile 2019 ore 13 scuola primaria;
  • 16 aprile 2019 ore 8.30 scuola secondaria di I grado;
  • 16 aprile 2019 ore 13 scuola secondaria di II grado.

 

(1233)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *