Uffici stampa “sui generis” nella sanità, la protesta dei giornalisti

ospedale piemonte per ecoLa circolare dell’assessore regionale alla Sanità Gucciardi, datata luglio 2015, regola l’istituzione degli uffici stampa nelle aziende sanitarie siciliane, ma a Messina questa circolare sembra essere ignorata.

A tal proposito, nei giorni scorsi alla nostra redazione è arrivato un comunicato stampa da parte dell’Irccs-Piemonte, firmato da un’addetta stampa, nominata in base a criteri che si sconoscono.

Di fronte all’ennesimo provvedimento discutibile abbiamo predisposto un documento di protesta indirizzato all’Irccs, all’Ordine dei giornalisti ed all’Assostampa.

La nota, che riportiamo integralmente, è firmata dalla redazione di Normanno, dal direttore di Normanno Patrizia Vita, dalla redazione di Tempostretto, dal direttore di Tempostretto Rosaria Brancato, dal direttore editoriale di Messinaoggi Davide Gambale e dalla redazione di Messinaoggi:

“L’Irccs-Piemonte ha iniziato dall’1 ottobre “un nuovo corso”, o almeno così si legge nel comunicato stampa trasmesso dal Neurolesi Bonino Pulejo in data 29 settembre.

Temiamo però che, almeno per quanto riguarda la comunicazione,  la nuova azienda ospedaliera stia continuando su “un vecchio corso”, in direzione opposta alla trasparenza ed al rispetto della legge 150 che regolamenta gli uffici stampa nella Pubblica amministrazione. Già lo scorso mese avevamo lanciato un appello ai manager delle aziende sanitarie, per l’applicazione della circolare regionale che impone l’indizione di procedure concorsuali per l’individuazione di addetti stampa. L’appello è caduto nel vuoto. Duole constatare che l’Irccs, a pochi giorni dalla nascita della nuova azienda destinata a diventare un Polo d’eccellenza per tutto il Meridione, ha proceduto con l’assegnazione di un incarico di addetto stampa ad una giornalista pubblicista senza alcuna forma di selezione. Ricordiamo che l’Irccs Bonino Pulejo è un’azienda pubblica ed in quanto tale soggetta alle regole stabilite per la Pubblica amministrazione. Al direttore generale dell’Irccs Angelo Aliquò chiediamo se il “nuovo corso” che intende portare avanti all’Irccs-Piemonte sia identico a vecchi metodi che ritenevamo appartenessero al passato. La legge 150 consente incarichi “ad personam” ma le figure di addetto stampa e di componente dell’ufficio stampa devono necessariamente passare da una procedura concorsuale. L’auspicio è che la nuova azienda adotti procedure concorsuali che consentano a tutti, senza excamotage,la partecipazione alla selezione.

Non escludiamo, visto il ripetersi di un comportamento difforme alla legge da parte delle aziende sanitarie, il ricorso, come testate giornalistiche, ad una sorta di “serrata”, non pubblicando più comunicati che provengano da uffici stampa “sui generis” . Nulla infatti si è più saputo sul concorso bandito oltre un anno fa dal Policlinico, mentre al Papardo la comunicazione è stata nei mesi scorsi affidata ad una stagista, senza neanche il supporto di un tutor….

Auspichiamo un’immediata inversione di rotta verso un percorso di trasparenza e di rispetto della normativa.

MESSINA 3/10/2016

 

Rosaria Brancato, direttore Tempostretto

La redazione di Tempostretto

Patrizia Vita, direttore Normanno

La redazione di Normanno

Davide Gambale, direttore editoriale Messinaoggi

La redazione di Messinaoggi

(75)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *