Tutto pronto per il Festival della crescita: tre giorni per risvegliare Messina

camera di commercioVorrei che Messina ritrovasse l’orgoglio”: queste le parole di un 18enne della provincia, vincitore del premio #leparolevalgono che sarà tra i protagonisti del Festival della Crescita, l’evento che tra venerdì 16 e domencia 18 novembre coinvolgerà scuole, università e imprenditoria nella sede della Camera di Commercio di Messina.

Obiettivo del festival che, nato da un’idea del sociologo Francesco Morace, ha raggiunto già 30 città sparse lungo tutto lo Stivale, è quello di raccontare e raccogliere esperienze imprenditoriali di successo, trasmettendo un messaggio di speranza verso il futuro e incoraggiando i più giovani a impegnarsi e a lottare per realizzare i propri obiettivi.

«Se non raccontiamo a noi stessi e permanentemente chi siamo e cosa facciamo ogni giorno che passa, rischiamo di dimenticarlo, e il disfacimento diventa il nostro destino» ha spiegato efficacemente Morace. Così, per tre giorni, i locali della Camera di Commercio di Messina – che sotto la guida del presidente Carmelo Picciotto ha accolto l’iniziativa – si riempiranno di storie, di esperienze, in un confronto aperto e indirizzato principalmente agli studenti, universitari e liceali.

Tra i racconti che hanno trovato il loro spazio in questa maratona dedicata al mondo imprenditoriale ci saranno: il caso Dusty con Rossella Pezzino De Geronimo; il social eating con Cristiano Rigon fondatore di Gnammo; il Manifesto della Positività presentato da Tonino Esposito di Bright Side; e il caso delle Feste Archimedee che con Edda Cancelliere ha già ospitato il festival a Siracusa nel 2016 e 2017.

E ancora, le Università e le professioni verranno rappresentate e narrate, tra gli altri, da Stefano Moriggi dell’Università Bicocca di Milano, dal linguista Massimo Arcangeli, curatore di festival culturali nell’intera penisola e dal messinese Mario Trimarchi, designer e architetto di fama internazionale che a Milano ha trovato la sua consacrazione.

Insomma, sarà un weekend alla scoperta del mondo del lavoro, dedicato alla creatività, al confronto e al dialogo e incentrato sul futuro e sulle sue possibilità. La giornata inaugurale si chiuderà con l’assegnazione del Premio #leparolevalgono al giovane Marco Cama, della quinta A dell’Istituto Nunzio Modica che detterà il tono del festival e di cui è possibile anticipare un piccolo stralcio: “Vorrei che Messina ritornasse ad essere, come in passato, crocevia culturale, punto di incontro e di sintesi tra culture e popoli diversi. Vorrei che Messina ritrovasse l’orgoglio di una tradizione marinara, commerciale e turistica capace di dare ai suoi figli e a tutti coloro che volessero vivere qui, opportunità e futuro“.

Il Premio della Crescita verrà poi consegnato, nella stessa serata, ad altri studenti delle scuole della provincia di Messina che sono state coinvolte nel progetto.

«Speriamo – ha commentato Carmelo Picciotto presentando l’evento – che il Festival possa rappresentare un piccolo contributo al risveglio di Messina che appare ormai urgente e necessario».

 

(207)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *