Tessere gratuite Atm. Gioveni: “Basta chiacchiere. Finalmente la svolta?”

Libero Gioveni passi carrabiliDopo tante interrogazioni, audizioni in Commissione servizi sociali, mozioni e “question time” in Consiglio Comunale, il consigliere comunale Libero Gioveni, vede finalmente il risultato di una delle sue battaglie: il mancato rilascio delle tessere gratuite Atm agli aventi diritto, in particolare, agli invalidi per servizio, invalidi del lavoro e invalidi civili.

“Dopo l’ultimo incontro, svoltosi mercoledì scorso – scrive Libero Gioveni -, in Commissione servizi sociali, presieduta dalla collega Donatella Sindoni alla presenza dell’assessore Nino Mantineo, quest’ultimo ha finalmente convocato un tavolo tecnico per giovedì prossimo 30 luglio, alle 11, alla presenza di tutti i soggetti istituzionali interessati, compresa l’Atm, per tentare di definire tutte le modalità per la presentazione delle istanze e il conseguente rilascio delle tessere”.
“Il voler insistere per l’avvio dell’iter – precisa il Consigliere comunale Gioveni – è stato dovuto al fatto che questa Amministrazione non aveva del tutto compreso che il rilascio delle tessere gratuite agli invalidi esula totalmente dall’eventuale rilascio agli anziani a basso reddito, come avveniva fino a qualche anno fa”.

“Infatti – spiega -, mentre per questi ultimi il tutto era subordinato allo stanziamento di fondi in bilancio, per le altre categorie, ovvero gli invalidi per servizio, invalidi del lavoro ecc., invece, il tutto è previsto dalla legge che prevede la semplice presentazione degli elenchi degli aventi diritto alla Regione che doveva quindi sobbarcarsi i costi delle tessere”.
“Pertanto – prosegue Gioveni -, quello che nel corso del tempo con i vari incontri e con le mie personali interrogazioni si è tentato di far comprendere al Dipartimento è che per Palazzo Zanca è a tutti gli effetti un adempimento di legge”.
Il consigliere comunale, Libero Gioveni, ,esprime, quindi, viva soddisfazione per il primo importante passo compiuto verso questa direzione, auspicando che “adesso da parte dell’assessore ai servizi sociali, Nino Mantineo, non rimangano solo parole, ma in breve tempo si materializzi in atti concreti ciò che è stato promesso per soddisfare un diritto da anni negato a delle particolari categorie svantaggiate”.

(232)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *