Teatro Vittorio. Saija: “Conferenza del Pd indegna, ogni riga del curriculum è vera”

TeatroVittorioEmanueleVenerdì prossimo terrà – a meno di problemi – una conferenza stampa. Antonino Saija, sovrintendente del teatro Vittorio Emanuele, vuol rispondere per le rime ai consiglieri comunali del Pd che con Felice Calabrò hanno messo in dubbio, sabato scorso, il suo apporto (inserito ufficialmente nel curriculum che ha determinato la scelta del Consiglio d’amministrazione poi avallata dalla Regione per la nomina) ai teatri di Parma e Livorno. A seguire la vicenda la consigliera Simona Contestabile che aveva richiesto e ottenuto formali risposte dai due enti che segnalavano come Saija – a quanto pare – non avrebbe mai prestato attività per i due teatri, anzi non lo conoscevano.

Calabrò aveva sottolineato che tra i requisiti per la carica di Sovrintendente c’era quella della comprovata esperienza artistica maturata e che le risposte dei teatri di Parma e Livorno avrebbero provato il contrario.

“Ogni riga e ogni parola scritta sul curriculum corrisponde al vero – ha dichiarato oggi Saija – la conferenza del Pd, diciamo di una sua parte perché non tutti hanno partecipato, è stata indegna, se loro rivolgono domande sbagliate è evidente che ricevono risposte sbagliate, quei consiglieri sono portatori di interessi di parte, è stata un’azione meschina e oserei dire anche inquietante di come vanno le cose a Messina – prosegue il sovrintendente – ripeto che ogni riga corrisponde al vero, hanno rilasciato dichiarazioni miserabili alle quali risponderò in conferenza stampa che spero di organizzare venerdì a meno di problemi, mi sento anche in imbarazzo per l’attacco subìto”. @Acaffo

(53)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *