Tasse universitarie troppo alte. Le proposte di Unidea per garantire il diritto allo studio

tasse universitarieSi parla molto in questi giorni di tasse universitarie e dei continui aumenti. A difesa del diritto allo studio di tutti gli studenti, l’associazione studentesca Unidea si scaglia contro questi aumenti che gravano sulle famiglie di ceto medio.

“Il diritto allo studio è garantito dalla nostra Costituzione – afferma Unidea − e deve rappresentare un’opportunità: un’opportunità per porre le basi per il nostro futuro, un’opportunità per affermare le nostre capacità, un’opportunità per realizzare le nostre ambizioni. Proprio per questo in un’Università pubblica è assolutamente inaccettabile una tassa tanto iniqua e a carico soprattutto dei ceti medi e bassi. Il periodo di crisi che l’Italia tutta e la Sicilia in particolare stanno ancora attraversando aggrava ulteriormente la situazione, spingendo le famiglie a interrogarsi sulla sostenibilità di queste spese”.
“La voglia di reagire in difesa dei propri diritti – continua − ha unito studenti e rappresentanti che hanno lavorato insieme per tutelare i propri diritti; le istanze presentate all’amministrazione hanno ottenuto un primo risultato positivo: lo slittamento del pagamento ad aprile. Occorre, allora, evidenziare l’impegno dei colleghi che ci rappresentano, ma anche la disponibilità di ascolto dell’attuale amministrazione”.
“Ci auguriamo – prosegue l’associazione studentesca −, comunque, che a questo risultato ne seguano degli altri. La proroga è il primo passo, ma la riduzione delle tasse è l’obiettivo finale. A tal fine occorre, a nostro parere, incrementare le occasioni di dialogo. Solo con la presenza e l’intervento attivo degli studenti, la gestione economica dell’Università potrà tenere maggiormente conto delle difficoltà degli studenti stessi”.

“Non si può – spiega Unidea −, inoltre, ignorare l’impatto che queste tasse avranno sulle iscrizioni. Gli effetti sono prevedibili: una notevole riduzione delle immatricolazioni e la fuga di studenti verso altri Atenei. In quali risultati più scoraggianti può incorrere un’Università Pubblica?”
Per risolvere questo problema che affligge le famiglie e gli studenti, Unidea chiede di riformulare l’importo delle tasse in modo progressivo e non regressivo: il peso del servizio ricade interamente sulle famiglie con redditi medi e medio-bassi; di prevedere un numero maggiore di fasce, seguendo l’esempio di Atenei quali Padova che ne presenta 92, fino a redditi superiori ai 60mila euro; di incrementare le misure di sostegno per “gli studenti capaci e meritevoli se pur privi di mezzi”, con riferimento ad esempio a misure particolari a favore di studenti con genitori disoccupati o a favore di famiglie con più figli iscritti all’Università;di incentivare e valorizzare ulteriormente la produttività dei Dipartimenti nella ricerca e stimolare la collaborazione degli studenti nella ricerca per poter accedere a maggior fondi; di promuovere il ricorso ai finanziamenti comunitari e ai capitali privati al fine di investire in laboratori e strumentazioni moderne per migliorare l’attività di ricerca;di modulare il numero degli appelli d’esame in funzione del carico di studi del semestre per dare l’occasione agli studenti fuori di corso di accorciare i tempi e mettere tutti gli studenti nelle condizioni migliori per concludere regolarmente il proprio carico di studi; la maggiore produttività permetterà inoltre di ottenere maggiori fondi dal Ministero;di favorire partnership con le imprese per l’inserimento nel mondo del lavoro dei neolaureati e incrementare il rapporto con il territorio; di proseguire nella collaborazione con la Guardia di Finanza per contrastare in modo sempre più incisivo l’evasione, riducendo il carico sugli studenti adempienti.

(94)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *