Tari: approvati i criteri di esenzione e riduzione per le famiglie disagiate

comuneLa Giunta, presieduta dal sindaco Renato Accorinti, riunitasi ieri sera a Palazzo Zanca,  ha approvato i criteri da proporre al Consiglio comunale per l’esenzione e la riduzione del pagamento del tributo sui rifiuti (Tari) per i nuclei familiari in disagio sociale.

All’esenzione e alla riduzione è destinato l’85% dell’importo di 1.520.268 euro previsto nel Piano Economico Finanziario (Pef) per tali agevolazioni, pari a 1.292.227,80 euro applicando il criterio che hanno diritto i contribuenti con un reddito Isee del nucleo familiare, riferito all’anno 2013, fino a 5.000 euro. Successivamente sarà stilata una graduatoria, tenendo presente che i contribuenti utilmente collocati in graduatoria fino al n. 1.500 godranno di un’esenzione totale del tributo; dal n. 1501 al n. 2500 saranno esentati dal pagamento di tre rate del tributo e quelli dal n. 2051 sino ad esaurimento della somma e/o della graduatoria saranno esentati dal pagamento di due rate del tributo.

Al 15%, invece, dell’importo previsto nel Pef per tali agevolazioni, pari a 228.040,20 euro, si applicherà fino alla concorrenza dell’importo della succitata percentuale il criterio di esenzione dal pagamento del tributo sui rifiuti per i contribuenti ultrasettantenni, unico componente del nucleo familiare, con invalidità del 100% e un Isee, riferito all’anno 2013, fino a 10.000 euro.

(53)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *