Scuole e uffici senza regole sul conferimento dei rifiuti, la IV e la V circoscrizione interrogano Ialacqua

rifiuti nuovoIl rispetto delle regole prima di tutto, ma ci sono situazioni in cui pur volendo, risulta quasi impossibile adeguarsi. E’ il caso delle modalità e degli orari di conferimento dei rifiuti per le scuole e più in generale gli uffici pubblici e privati, che sono al centro di un’interrogazione dei consiglieri della V e della IV circoscrizione Paolo Barbera e Alessio Mancuso.

I consiglieri chiedono all’assessore all’Ambiente Daniele Ialacqua di predisporre una deroga al regolamento attuale o, in alternativa una soluzione ad hoc  proprio per garantire la possibilità di rispettare le regole sui rifiuti anche a queste categorie, che al momento sembrerebbero escluse da ogni disciplina.  Nell’interrogazione viene evidenziato infatti,  come le limitazioni nei giorni e negli orari di conferimento dell’immondizia siano indirizzati genericamente a tutte le utenze, senza tenere conto delle esigenze particolari di alcuni enti.

“Allo stato – scrivono i Barbera e Mancuso – sembrerebbe non sussistere alcuna deroga o disciplina speciale sugli orari e sulle modalità di conferimento dei rifiuti prodotti da “uffici e locali di enti economici e non economici, pubblici e privati, istituzioni culturali, politiche, religiose, assistenziali, sportive e ricreative” e da “servizi scolastici e loro pertinenze. In particolare esistono numerose attività di pubblico interesse, a partire dalle scuole, ma anche numerosi uffici, che sono chiusi e non hanno personale negli orari in cui sarebbe possibile conferire i rifiuti. Per questo riteniamo sia opportuno, per tali categorie di utenti, per come definiti dal vigente regolamento comunale, ammettere in deroga, ad esempio, il conferimento in orari mattutini o pomeridiani o, preferibilmente, prevedendo la raccolta porta a porta durante gli orari di apertura stessi”.

(56)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *