Ripartizione fondi sicurezza antisismica edifici privati. Soddisfatto l’Ordine degli Ingegneri

ordine ingegneriVenerdì scorso, il Dipartimento Regionale di Protezione Civile Servizio Sismico con una nota inviata all’Ordine degli Ingegneri, ha comunicato che su 2.720 richieste di contributo afferenti a tutto il territorio Siciliano relativo all’adeguamento sismico degli edifici privati,  solo 164 domande erano state accolte a causa delle esigue somme a disposizione.

Già il  22 settembre l’Ordine degli Ingegneri aveva inoltrato al presidente della Regione, Rosario Crocetta, e alla Protezione Civile Regionale un’istanza per conoscere lo stato procedurale inerente i contributi di prevenzione sismica previsti nell’Ordinanza del Capo del Dipartimento Protezione Civile n.052 del 20 febbraio 2013, e che successivamente il 14 ottobre richiamavamo a precise responsabilità i vari interlocutori istituzionali interessati alla vicenda.

«Il dato comunicato ─ si legge in una nota ─, rende onore e merito a un’intensa campagna di sensibilizzazione cui l’Ordine degli Ingegneri risulta essere stato promotore con iniziative atte a rendere un servizio alla cittadinanza, a tutti i Comuni della nostra Provincia e ai propri iscritti fornendo precise informazioni per accedere alle procedure di attuazione ai contributi di prevenzione sismica».

L’Ordine ricorda che «l’annualità precedente e facente capo sempre alla stessa Ordinanza aveva prodotto per Messina e Provincia pochissimi contributi (1 solo finanziato a Messina) andati per lo più nel territorio Catanese e Siracusano».

Questa la ripartizione dell’ultima annualità: 58 per la provincia di Messina; 58 per la provincia di Catania; 42 per la provincia di Siracusa; 5 per la provincia di Ragusa; 1 per la provincia di Enna.

«Nonostante la grande sensibilizzazione mediatica da parte del Sindaco di Catania e delle forze politiche Catanesi (che non ha avuto ugual riscontro nel Nostro territorio), ─ continua l’Ordine ─ lo sforzo prodotto dai rappresentanti dei professionisti messinesi ha portato ad un successo insperato».

Gli ingegneri Giampaolo Nicocia, Domenico Crinò, Marilena Maccora, Antonio Rizzo, coordinati dall’ingegnere Francesco Triolo, sono stati portavoce dell’Ordine in una lunga serie di incontri sia a Messina che Provincia, fornendo oltre che informazioni e dati anche supporto tecnico ai Comuni richiedenti.

Tale iniziativa oltre che portare finanziamenti atti a migliorare il patrimonio sismico esistente deve rappresentare un monito per chi ha il compito di essere portavoce delle istanze e dei bisogni dei cittadini e conferma che un Ordine Professionale qualificato può collaborare con tutte le Istituzioni a rendere un valido servizio all’intera cittadinanza,  contribuendo,  anche se per piccoli interventi,  a dare speranza ai lavoratori ed agli operatori dell’edilizia in un momento come questo di gravissima crisi economica.

(139)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *