Rapporto sul traffico, Messina è la terza città più caotica d’Italia

filaMessina è la terza città più congestionata d’Italia. A dirlo è il Corriere della Sera, che oggi ha pubblicato il rapporto sul traffico, Tom Tom Index 2017, che valuta le percentuali di traffico  nelle realtà del nostro paese e in quelle europee. La nostra città entra in questo podio davvero poco invidiabile, grazie al 39% (nel 2016 fu del 35%).

In termini pratici ciò si traduce in un tempo extra di percorrenza pari a 34 minuti al giorno, vale a dire 130 ore in un anno.  Il giorno più caotico dello scorso anno è stato il 20 agosto, quello del controesodo dopo le vacanze estive. Messina supera anche metropoli come  Milano, Napoli e Torino, ma non Roma.

Alla Capitale spetta la medaglia d’argento  di questa poco piacevole classifica. Al primo posto c’è Palermo, che secondo questo rapporto  è più caotica di capitali europee del calibro di Londra e Parigi.

(458)

1 Comment

  • Domenico scrive:

    Beh, non avevamo certo bisogno di un articolo sul corriere per scoprire che la viabilità a Messina è il pessimo frutto di due grandi problemi, il tipico atteggiamento del Messinese doc e Il corpo della Polizia Municipale che è assente e non vigila sul territorio non punendo le continue irregolarità della strada, dalla sosta selvaggia degli automobilisti che riducono la maggior parte delle carreggiate a una corsia, agli ambulanti che con i loro furgoni della frutta o pesce invadono le corsie per attirare i passanti, ovviamente tutti indisturbati giorno dopo giorno facendo diventare una piccola eccezione una regola.
    L’unica domanda che mi pongo quando giro per la città è: ma il comandante della polizia municipale non esce di casa, non vede tutto questo, e lui che può perchè non agisce ? se io fossi lui farei una campagna intitolata tolleranza zero battendo a tappeto tutte le vie cittadine per mesi e mesi multando chiunque compia un irregolarità, apportando un duplice beneficio, aumentare gli incassi del comune e istruire i messinesi su come ci si comporta, che ad oggi per troppo tempo si sono cullati di giustificazioni come un attimo finisco qui e arrivo, cinque minuti, ero alla posta, guardi le altre macchine.., ma aimè rassegnato e rammaricato penso che anche se basterebbe veramente poco per trasformare tutto..tutto rimarrà cosi a discapito di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *