Piemonte: un ospedale solo per i bambini. I sanitari: «Costi troppo elevati»

Ospedale Piemonte“Il cambio di destinazione dell’ospedale Piemonte, così come annunciato dalla Regione, oltre ad apparire estremamene costoso, comporterebbe anche un adeguamento della struttura e del personale”. A gran voce lo sostengono i sanitari dello storico nosocomio di viale Europa. Unico presidio del centro città, il Piemonte – secondo quanto ufficializzato dalla Regione ma non ancora deliberato – verrà riconvertito in Polo Sanitario materno-infantile, riorganizzazione che cancellerebbe la sua funzione di punto di emergenza-urgenza.

A preoccupare – dicono i medici – non è tanto l’istituzione del Polo destinato alla madre e al bambino, quanto la sua messa in pratica.

Quello che si teme maggiormente è che tale trasformazione non sia altro che l’ennesima chimera, un percorso destinato ad avviare un processo di depauperamento e depotenziamento del presidio stesso, al momento afflitto anche da carenza di personale.  

Se l’accorpamento dei punti nascita potrebbe rappresentare un’ipotesi ben accetta di potenziamento del servizio offerto ai cittadini, i costi del Polo materno per l’adeguamento di macchinari e personale sarebbero notevoli – cambiando il soggetto al quale il presidio verrà destinato –  e non lasciano sperare nella sua realizzazione.

Non sono bastate le 15.000 firme della petizione popolare a fermare il processo di riconversione. In tanti, tra i cittadini, si erano opposti a questa operazione, proprio perché ritenevano prioritario che l’ospedale continuasse ad essere il punto nevralgico per l’assistenza sanitaria del centro città, soprattutto nei casi d’emergenza.

Allarmati i rappresentanti dei lavoratori che chiedono al sindaco Renato Accorinti di intervenire alla Regione per tutelare il diritto alla salute dei cittadini.

(66)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *