Quando Piazza Cairoli era politica, sport, “cuttigghiu”

Piazza Cairoli vista dall'alto

Piazza Cairoli vista dall’alto

C’è una parte di Messina che ha paura. E non dovrebbe. E’ quella del ‘salotto buono’ della città, quella Piazza Cairoli un tempo luogo di ritrovo dei messinesi che lì ci andavano per ‘fare’. Fare politica, sport, economia, tutto a parole, ovvio, era un pettegolezzo spiccio ( cuttigghiu), ma era bella, al tempo, la piazza. Soprattutto era sicura. Oggi ci si passa frettolosamente, nonostante l’isola pedonale, nonostante gli alberi che, visti dall’alto ne fanno un cuore verde; visti da sotto un tetto frondoso.

Piazza Cairoli è insicura, ce l’hanno detto i commercianti, che la vorrebbero più vissuta, più ricca di eventi, più frequentata; ce lo dice la cronaca cittadina: aggressioni, rapine spaccio di droga. Tutto racchiuso in un’area che rivive solo a Natale, attraverso un albero, addobbi vari, cura degli spazi e promesse. Promesse che, almeno quest’anno, speriamo davvero non durino da Natale a Santo Stefano.

La città attende quanto maturato lo scorso marzo, quando l’amministrazione comunale ha comunicato l’imminente riqualificazione della piazza, i  cui lavori se li è aggiudicati la GR costruzioni di Torregrotta: un appalto da 218.036,38 euro più Iva che cambierà il volto del salotto della città. .

Una piazza nuova, dove incontrarsi dovrà tornare ad essere, come un tempo, il piacere di ritrovarsi in un ‘luogo amico’, familiare, una sorta di ‘pianerottolo’ di casa nostra, dove trovi il vicino, parli del condominio, pregi e difetti, poi un passaggio alla politica e uno allo sport, e infine un cordiale saluto.

Il tempo buono della rinascita di Messina potrebbe iniziare anche da lì. Ci vediamo a Piazza Cairoli.

Patrizia Vita 

(436)

1 Comment

  • Marco Bellantone scrive:

    Mi pregio di dire che sono in corso incontri con l’Amministrazione per dare nuova luce alla nostra Piazza, sono Messinese e conosco la storia degli ultimi 35 anni di questa zona, il lato Nord ha effettivamente iniziato un percorso virtuoso mettendo in campo idee e soldini, grazie alle prime si sta per realizzare qualcosa di mai visto prima e grazie ai secondi siamo convinti che le iniziative programmate avranno luogo per tutto l’anno.
    Nessuno dovrebbe sentirsi escluso, lato nord e lato sud sono due facce della stessa piazza, quando saranno concluse le fasi preliminari tutti saranno messi a conoscenza ed invitati a partecipare alle iniziativi, vedrete che bella Piazza che verrà…
    Marco Bellantone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *