Parco urbano di Camaro: lavori fermi da 10 mesi. Ci pensano i vandali a “smuovere le acque”

camaroCi risiamo. Ancora una volta un’opera pubblica, volta a riqualificare una zona della città, è stata abbandonata a metà e, ancora una volta, i vandali sono entrati nel cantiere aperto e hanno lasciato i segni del loro passaggio. A segnalare il fermo dei lavori e gli atti vandalici è il consigliere comunale Libero Gioveni.

«Il bellissimo progetto di risanamento, sin dalle sue origini risalenti al lontano 20 novembre 2003, prevedeva la consegna a giugno 2014, ma da circa 10 mesi i lavori si sono interrotti per gli ormai noti contenziosi fra la stazione appaltante e le imprese (appaltatrice e subappaltatrice) chiamate all’espletamento delle lavorazioni».

«Eppure mancherebbe poco ormai (forse 3 o 4 mesi) al completamento dell’opera – spiega il consigliere −, essendo sorto nel cantiere ormai l’imponente anfiteatro e predisposti in linea di massima la strada interna, i parcheggi e la piazza centrale pronta per l’allestimento degli arredi».

«Già completato, per esempio – continua −, il mezzo busto di Monsignore Giuseppe Malgioglio, compianto ex parroco per 36 anni di Camaro S. Paolo che tanto bene ha fatto per il quartiere, da collocare nella stele in cemento già predisposta in un angolo della piazza che si spera venga anche a lui intitolata ricorrendo tra l’altro il 12 ottobre di quest’anno i 10 anni dalla sua morte».

«Suona tra l’altro come una “beffa” il fatto che il lungo periodo di fermo, come del resto era prevedibile, ha determinato intrusioni di ignoti che hanno già lasciato le loro inqualificabili tracce (recinzione divelta, scritte sui muri e piccoli danneggiamenti) e a tal riguardo non è ancora dato sapersi in prospettiva futura se, anche quando l’opera sarà ultimata, l’impianto di videosorveglianza sarà attivato o meno con la centrale operativa della Polizia Municipale visto che, secondo quanto risulta allo scrivente, il Comando del Corpo non sembra abbia ancora dato la propria disponibilità».

 

(345)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *