A Palazzo dei Leoni consegnati i premi alle eccellenze femminili messinesi

foto una mimosa per teArte, moda, solidarietà, riflessione, ma soprattutto la celebrazione della donna e della sua voglia di esserci, sempre. Ieri nel Salone degli specchi di Palazzo dei Leoni, “Una domenica insieme”, evento conclusivo della rassegna “Una mimosa per te”, ha premiato le donne, il loro carisma, la loro energia, ma ha anche ricordato due donne che pur non essendoci più fisicamente, hanno lasciato il segno grazie all’impegno profuso in vita.

Particolarmente toccante il momento dedicato alla professoressa Antonella Cocchiara, recentemente scomparsa, alla cui memoria è stata intitolata una targa, consegnata alla scrittrice Serena Maiorana, per il libro “Quello che resta, storia di Stefania Noce”. Sul palco, il compagno di vita della Cocchiara, Michele Bonaiuto, che ne ha ricordato il carattere solare, ma fermo.

Intitolato alla poetessa Maria Costa, invece, il premio assegnato a  Maria Andaloro, ideatrice della campagna nazionale contro la violenza sulle donne, “Posto occupato”.

Alcuni momenti moda hanno animato l’evento, in cui è stata premiata anche la bellezza, con la presenza della messinese Luisa Elettra Lentini, una delle 29 testimonial selezionate nel calendario nazionale Beautiful Curvy 2017, scelta tra oltre 600 modelle dalle forme generose in tutta Italia. Gli altri riconoscimenti sono stati assegnati a Barbara Labate, giovane imprenditrice e fondatrice del portale e dell’app “Risparmio Super”; Elena Donato, coordinatrice della Mensa di S. Antonio; Francesca Palermo, autista ATM; Anita Gioviale, artista e imprenditrice; Cettina Restuccia, presidente dell’associazione “Evaluna”, che sostiene le donne vittime di violenza.

Il  premio speciale “Una Mimosa per te” per la scultura è andato a Sabrina Lo Piano, autrice dell’opera “Morte dell’anima”. Insigniti di una targa ricordo anche gli artisti, le cui opere sono state esposte nel transetto di Palazzo dei Leoni, Filippo Marletta, Federica Fornaro e Giovanna Reale.

 

(404)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *