Natale a Messina: svelato il mistero delle luminarie non a norma

natale messina

Messina. A pochi giorni dall’inizio delle festività arrivano i primi dissapori di questo Natale 2017: un gruppo di commercianti del centro cittadino si è unito per acquistare insieme gli addobbi natalizi da installare nei pressi delle attività da loro gestite, peccato solo che la ditta a cui si erano affidati sembrerebbe aver svolto un lavoro non a norma.

A dichiararlo l’ingegnere Salvatore Saglimbeni, responsabile del Dipartimento Lavori Pubblici del Comune per la Pubblica Illuminazione, che ha spiegato: «Proprio questa mattina ho diffidato la ditta dall’intervenire, perché l’installazione delle cordoniere non è stata fatta secondo la normativa, anzi, si è creato un rischio per la sicurezza pubblica».

Tutto è iniziato lo scorso venerdì 1 dicembre quando al Dipartimento Lavori Pubblici è stata presentata la denuncia di un’installazione abusiva di addobbi natalizi, nello specifico di cordoniere luminose. «Tali installazioni – aveva spiegato il Dipartimento – non sono autorizzate e sono contrarie a norme di sicurezza costantemente ribadite, poiché potrebbero comportare, sotto l’azione del vento, il rischio di crollo sulla sede stradale sottostante».

«Ci dispiace che alcuni commercianti spendano soldi in questa maniera – ha aggiunto l’ingegnere – perché mal consigliati dagli installatori che, essendo professionisti, conoscono le norme e le dovrebbero seguire». L‘iter corretto prevede che commercianti e associazioni che desiderino collocare tali addobbi sulle pubbliche vie, contattino preventivamente l’ufficio di Pubblica Illuminazione.

«Per esempio, i commercianti di via Palermo – ha spiegato Saglimbeni – sono venuti da noi a presentare la richiesta, l’Amministrazione ha dato il benestare e, concordati i termini con l’installatore, si è potuto procedere all’allestimento degli addobbi. Il tutto in linea con la normativa che regola la materia».

«Al momento – fanno sapere i negozianti cui era indirizzata la nota – si sta cercando di risolvere il problema e regolarizzare la situazione».

(262)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *