Mili Marina in stato disastroso. La Cava: «Colpa della Giunta Accorinti»

foto di ponte mili marina
Un ponte a rischio, una spiaggia trascurata e un depuratore mal funzionante: queste sono alcune degli aspetti denunciati dal consigliere comunale di Sicilia Futura Alessandro La Cava sulla zona di Mili Marina. Una parte di Messina che secondo La Cava è «frutto di tanti compromessi buoni per le tornate elettorali passate e prossime a venire».

La colpa è della Giunta Accorinti, secondo il consigliere, che si dice incredulo di fronte alla «ormai arcinota capacità di questa amministrazione di fare chiacchiere, lasciando che i concittadini si arrangino da soli».

Tra le problematiche più gravi che influenzano Mili Marina, c’è la questione del ponte che, da anni, versa in una situazione di rischio: i residenti da 4 anni si trovano a dover attraversare un ponte transennato, a rischio della loro stessa incolumità. 

foto spiaggia mili marina

Poi c’è la spiaggia: gli elementi di bellezza naturale non mancano ma purtroppo «dove si poteva creare di concerto con il Demanio una passeggiata a mare – spiega La Cava – valvola di sfogo per le tante famiglie che popolano la zona, non è stato fatto nulla».

«A tutto questo si aggiunga poi la ciliegina sulla torta – continua il consigliere – oltre al danno dell’inazione anche la beffa di un depuratore mal funzionante. Solo una vasca su tre coperta, e in certe condizioni climatiche l’aria diventa assolutamente irrespirabile»

«Una situazione a dir poco inaccettabile – conclude La Cava – la catastrofica situazione di Mili Marina è figlia di questa Amministrazione che senza vergogna continua a dire “stiamo facendo…” ma cosa non l’abbiamo ancora capito».

 

(277)

1 Commento

  • sergio cavacecec scrive:

    Stanno facendo di tutto per dichiararlo inagibile, così qualche ditta amica si prende l’appalto della ricostruzione come già accaduto per il ponte di Galati Marina della stessa epoca di quello di Pistunina, cose strane!…..il ponte di Mili Marina è uguale a tanti altri sparsi per il territorio siciliano e nazionale in stile “Razionalistico”, come quello di Oliveri, solo che quel comune ci fa la manutenzione ordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *