Messina. L’Università acquista la Banca d’Italia di piazza Cavallotti

L’Università degli Studi di Messina (UniMe) potrà acquistare la ex sede della Banca d’Italia di piazza Cavallotti per valorizzarla e restituirla alla città realizzando al suo interno un museo e dei centri di ricerca.

L’Ateneo Peloritano, forte del via libera dato dal suo Consiglio di Amministrazione nella giornata, potrà acquisire la struttura, risalente al 1924, a un costo di 6.500.00 euro: «La conclusione positiva di questo acquisto – ha commentato il Rettore Salvatore Cuzzocrea – insieme alla risoluzione dell’annosa vicenda della ex Biblioteca Regionale, dimostrano che siamo sulla buona strada».

La vecchia sede della Banca d’Italia di piazza Cavallotti potrà quindi accogliere nuovamente i cittadini, ma anche i turisti, e vivere una seconda vita. La struttura, che consta di un seminterrato e due piani fuori terra per un totale di 6.000 mq, sarà utilizzata molto probabilmente come polo museale, centro di ricerca e archivio storico dell’Ateneo. Quest’ultimo dovrebbe trovare la propria collocazione ideale nel seminterrato.

L’edificio, in cemento armato e muratura, è suddiviso in:

  • 8 unità immobiliari a destinazione d’uso abitazioni di tipo civile;
  • 1 unità immobiliare a destinazione d’uso istituto di credito;
  • 1 unità a destinazione d’uso cabina elettrica;
  • 8 unità immobiliari a destinazione d’uso magazzini e depositi;
  • 1 unità immobiliari per locali sportivi;
  • 2 a destinazione lastrico solare.

 

(921)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *