Messina. Strada tra San Giovannello e San Filippo ristretta da 4 anni

lavori-6Messina. Da 4 anni al rione San Giovannello e il villaggio di San Filippo Inferiore insiste un restringimento della carreggiata a causa del potenziale pericolo dovuto all’assenza di un tratto del muro di protezione. A far luce sulla situazione è il Consigliere Comunale Libero Gioveni, che in una nota spiega come il restringimento stia generando una serie di problematiche per i cittadini della zona.

 La strada in questione, la cui circolazione a senso unico alternato è regolata da due semafori mobili, sta provocando numerosi disagi per i residenti dei villaggi collinari. Secondo Gioveni gli automobilisti sono sottoposti ad attese di circa 5 minuti ai semafori. Il Consigliere evidenza: «Tali attese provocano atti vandalici, che spesso si registrano con la distruzione degli stessi semafori e che causano inevitabilmente un altro potenziale pericolo per gli automobilisti»

Gioveni sottolinea anche la preoccupante condizione di dissesto idrogeologico di una parte del costone soprastante l’arteria che presenta evidenti segni di smottamento proprio a ridosso del predetto restringimento.

Nonostante le promesse dell’assessore ai Lavori Pubblici Sergio De Cola di porre rimedio alla situazione durante la seduta del Consiglio Comunale del 2 agosto, pare non sia ancora stato fatto niente.

Secondo Gioveni, infatti, De Cola avrebbe espresso la volontà di inserire questo intervento nell’ultimo appalto stradale, anche grazie alla collaborazione del proprietario del terrapieno in questione, che intenderebbe cedere lo stesso al Comune così da mettere in sicurezza la strada e ampliare la carreggiata.

Di fronte all’insufficiente attenzione rivolta dalla Amministrazione alla questione, l’esponente del gruppo Misto chiede di conoscere: «A che punto è l’iter per la definitiva messa in sicurezza del tratto di strada, il ripristino del doppio senso di marcia e quanto tempo ancora occorrerà prima dell’avvio definitivo dei lavori».

 

(111)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *