Sicurezza stradale a Giostra. Ora Messina: «Servono più controlli»

Giandomenico La Fauci consigliere comunale OraMessina - MessinaAumentare la sicurezza stradale sul viale Giostra è di fondamentale importanza secondo il consigliere Giandomenico La Fauci del gruppo Ora Messina. In una nota, il consigliere spiega la necessità di avviare “maggiori controlli e interventi urgenti” per contrastare gli incidenti stradali che si verificano costantemente sull’arteria centrale della città.

«Dopo l’ennesimo incidente avvenuto sul viale Giostra – racconta La Fauci –mi corre l’obbligo di aumentare il livello di attenzione dell’amministrazione. La sicurezza stradale diventa tema soltanto a incidenti avvenuti, la prevenzione dovrebbe invece essere alla base dei programmi di un’amministrazione, tanto serve per garantire ai cittadini vite più serene».

Il consigliere di Ora Messina continua spiegando la differenza che sussiste tra la parte alta e quella bassa del viale Giostra, situata a est del viale Regina Elena: «La strada risulta dissestata in troppi punti, la segnaletica orizzontale è scolorita, l’illuminazione è scarna e mancano i dossi dissuasori che invitano gli incivili a eccedere in velocità. Al contrario la parte ovest del viale è stato soggetto, negli anni scorsi, di una diversa politica con la presenza di un’illuminazione adeguata e di dossi e rotatorie che rallentano la marcia degli sconsiderati».

viale giostra messina

La Fauci evidenza la presenza del traffico costante,  dovuto in gran parte alle numerose attività commerciali e alle tante abitazioni presenti, rendendo un’adeguata sicurezza stradale assolutamente fondamentale.

«Non è plausibile attendere – conclude il consigliere di Ora Messina – come sempre, un susseguirsi di sinistri prima di rendersi conto dell’urgenza degli interventi da compiere. Un’arteria tanto lunga e trafficata non può vivere con tali differenze strutturali, con l’aggravante che la parte bassa resta sbocco di chi sbarca dagli imbarchi privati: un pessimo biglietto da visita per la nostra città».

(106)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *