Messina. Riapre il negozio di Pettineo distrutto da un incendio

pettineo - messinaUna storia a lieto fine, quella di Pina Adamo e del suo negozio di alimentari di Pettineo, piccolo comune in provincia di Messina, distrutto da un incendio lo scorso 14 febbraio e riaperto pochi giorni fa grazie al sostegno e alla solidarietà degli abitanti, dell’amministrazione comunale e dei paesi vicini.

Si festeggia, quindi, con una cerimonia che riunisce i tanti avventori del negozio e, in generale, i concittadini, a quasi due mesi di distanza dall’evento distruttivo che avrebbe potuto segnare la fine di un’attività cui tanti fanno riferimento. Il supporto del Comune, che ha aperto un conto corrente per sostenere economicamente la ristrutturazione dei locali, non è mancato e ha portato a raccogliere oltre 2.000 euro. Allo stesso modo, hanno fatto sentire la propria vicinanza gli altri residenti del comune nebroideo e gli abitanti dei paesi limitrofi. Da Capo d’Orlando è arrivato anche il bancone frigo, donato da un’imprenditrice del luogo. I consiglieri comunali del vicino Motta d’Affermo, presenti poi all’inaugurazione, hanno donato alla causa i propri gettoni di presenza.

A sostegno della riapertura dell’attività di Pina Adamo anche la Confcommercio di Messina che l’ha dichiarata socia onoraria.

Le cause dell’incendio, che lo scorso febbraio ha svegliato nel cuore della notte gli abitanti di Pettineo con un boato, sono attualmente incerte. C’è chi sospetta una natura dolosa, ma le indagini, condotte dai carabinieri della Compagnia di Mistretta sono ancora in corso.

Alla cerimonia di riapertura dell’attività commerciale erano presenti le autorità del luogo, il sindaco Domenico Ruffino insieme ai componenti della Giunta, il responsabile nazionale legalità del PD Giuseppe Antoci, la rappresentante di Confcommercio di Messina, Sabrina Assenzio, e l’Arma dei Carabinieri con il comandante della stazione di Pettineo, il Maresciallo Antonio Maiorana.

(111)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *