Messina. Nuova ordinanza: entro fine settembre si torna tutti a scuola

Foto dei banchi di un'aula - scuoleMessina. Entro fine settembre tutti gli studenti della città dello Stretto potranno tornare sui banchi di scuola. A renderlo possibile sarà l’approvazione del decreto “milleproroghe” che, presumibilmente, consentirà di posticipare i termini per l’adeguamento antincendio delle strutture.

A renderlo noto è il sindaco Cateno De Luca che, sulla sua pagina Facebook, specifica: «Di concerto con Sua Eccellenza il Prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, è stata emanata la nuova ordinanza riguardante le condizioni minime di sicurezza che possano consentire il regolare svolgimento delle attività scolastiche dal 12 settembre in poi. In assenza di tali condizioni minime di sicurezza si dovrà attendere l’approvazione del decreto “milleproroghe” che presumibilmente avverrà il 25 settembre».

In sostanza, si desume dall’ordinanza, i Dirigenti scolastici dovranno adottare, in via temporanea, alcune “misure compensative” riguardanti la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro, stabilite dai Vigili del Fuoco e atte a consentire l’avvio dell’anno scolastico. Coloro che non ne avranno la possibilità potranno comunque attendere la proroga che dovrebbe essere concessa entro il 25 settembre.

Nel frattempo, l’ordinanza stabilisce, inoltre, l’acquisizione di immobili di proprietà comunale da utilizzare temporaneamente per l’attività scolastica e la possibilità, in caso di necessità, di programmare un’eventuale turnazione delle lezioni, anche usando edifici scolastici vicini.

La città di Messina, informa inoltre il documento, grazie alla costituzione dell’unità di crisi a seguito di una riunione svoltasi lo scorso 28 agosto presso la Presidenza della Regione Siciliana, avrà la priorità sulla redazione delle schede AeDES (agibilità e danno nell’emergenza sismica). Schede che verranno realizzate con l’ausilio di una task force costituita da tecnici della protezione civile e del genio civile, che potrà usufruire, tra l’altro, della collaborazione dei presidenti degli ordini degli architetti e degli ingegneri.

(3168)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *