Messina. Discarica a cielo aperto a Fondo Pugliatti: De Luca furioso

MessinaServizi ripulisce e i cittadini sporcano. È furiosa la reazione del Sindaco De Luca, che sulla sua pagina Facebook documenta la situazione che va avanti da mesi a Fondo Pugliatti: «Non farò più ripulire la discarica creata dagli abitanti del quartiere!».

Secondo le foto postate dal Primo Cittadino di Messina, gli abitanti continuano a sporcare quello che MessinaServizi pulisce straordinariamente: «Aspetto che qualche cretino faccia il solito post per affermare che non puliamo a Fondo Pugliatti come in altre zone urbane, dove le discariche vengono bonificate ed a distanza di qualche giorno si ripresentano».

Cosa è successo a Fondo Pugliatti

«Ormai da mesi continua la cattiva abitudine di alcuni residenti – spiega il Sindaco – di abbandonare i rifiuti al suolo nel punto in cui erano presenti fino a poco tempo fa dei cassonetti, e questo accade nonostante a quasi 100 metri siano presenti ben quattro cassonetti. Nonostante i verbali di 600,00 euro elevati dalla polizia Municipale, ancora oggi ci ritroviamo a dover distogliere uomini e mezzi per la bonifica straordinaria di questa discarica. Non si comprende cosa spinga certi cittadini a buttare i rifiuti sotto le proprie finestre, è così difficile comprendere il danno che arrecano a loro stessi ed anche all’intera comunità? Ecco qui di seguito le fotografie della zona interessata nelle ultime 24 ad un ennesima bonifica».

  1. 21.30 del 19 agosto, fotografia della postazione pre bonifica.
  2. 22.49 del 19 agosto, fotografia della postazione post bonifica.
  3. 14.48 del20 agosto, fotografia della postazione, dalla quale si evince che non sono ancora trascorse 24 ore dalla bonifica e già sono presenti rifiuti.

 

«Sono convinto che domani sarà pieno di rifiuti – conclude il Sindaco. Ora ho deciso di non distogliere più dalla pulizia ordinaria i nostri operatori ecologici per queste discariche volontariamente create dai residenti».

(520)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *