Messina. È nata Cultura@Me, la mappa virtuale degli spazi comunali

Foto di Palazzo Zanca - Municipio MessinaÈ nato Cultura@Me, uno spazio virtuale accessibile tramite il sito del Comune di Messina che raccoglie al suo interno tutte le informazioni utili per orientarsi nell’offerta culturale della città, dalle gallerie, ai musei, alle aree che i cittadini e le associazioni possono affittare per spettacoli ed eventi.

Cultura@Me è accessibile direttamente dalla homepage del sito istituzionale e si presenta come un elenco contenente i link alle singole pagine degli “Spazi Comunali per Attività Culturali” contenenti informazioni utili, come orari e disponibilità a ospitare eventi, come spettacoli a convegni. Al momento sono attive le sezioni dedicate a: Palazzo Zanca, Palacultura, Santa Maria Alemanna, Forte Ogliastri e Castel Gonzaga. ARCO (Centro di competenza per l’arte e l’architettura contemporanea), che ha recentemente trovato “casa” all’interno del Palacultura e Le scalinate dell’arte sono indicati, attualmente, come “di prossima apertura”.

Un’attenzione particolare è dedicata alla Biblioteca “Tommaso Cannizzaro” che, situata all’interno del Palacultura, si configura come uno spazio ampio di cui può usufruire chiunque, dagli studenti, alle associazioni, agli studiosi interessati a consultare i tanti volumi presenti, donati alla città a partire dal 1917.

All’interno di Cultura@Me sono presenti, inoltre, il calendario delle disponibilità e tutte le informazioni necessarie per chi volesse affittare una sala, per esempio, di Palazzo Zanca. Scorrendo verso il basso è possibile, inoltre, consultare e scaricare alcuni documenti utili come l’ordinanza per l’esercizio dell’arte di strada e il modulo per la richiesta di patrocinio.

Infine, c’è la “Banca degli spazi dei saperi e delle memorie”, curata dall’Assessorato collettivo Antonello. Si tratta di uno spazio riservato a chi, dal comune cittadino, allo storico, al professionista, voglia condividere fotografie d’epoca, ricordi, racconti di Messina, per creare un contenitore della memoria collettiva della città dello Stretto.

(190)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *