Messina. De Luca su Salvacolline e Piano Regolatore: «Azzeriamo tutto»

Primo piano Cateno De LucaMessina. Stop al Salvacolline e al PRG: con la pianificazione urbanistica si riparte da zero. Questa, sostanzialmente, la decisione del sindaco Cateno De Luca che, con un documento del 5 luglio chiede al dipartimento competente e all’assessore alla Pianificazione Urbana, Salvatore Mondello, di fare il punto sullo “stato dell’arte” e revocare le delibere della precedente Amministrazione.

«Azzeriamo tutto e ripartiamo. Pianificazione urbanistica per la città e non per pochi intimi». Con queste parole, il Primo Cittadino commenta sulla sua pagina Facebook ufficiale la decisione presa nel corso della seduta del Consiglio di Giunta del 3 luglio. Decisione che, sostanzialmente, cancellerebbe gli atti adottati dall’Amministrazione Accorinti.

«Si dispone, pertanto – recita il documento diffuso nelle scorse ore e indirizzato al Dirigente del Dipartimento Politiche del Territorio – di relazionare in merito, entro il termine di cinque giorni (vale a dire, entro l’8 luglio, ndr), anche all’assessore con delega specifica, provvedendo, altresì, a predisporre le relative proposte di deliberazione di giunta di revoca degli atti già adottati dalla Giunta e/o dal Consiglio Comunale nel medesimo termine».

Dopo un percorso abbastanza accidentato, in sostanza, sembrerebbe concludersi il percorso della Variante di Salvaguardia, o Salvacolline, lo strumento di mitigazione del rischio idrogeologico elaborato dalla precedente Amministrazione, su cui, a suo tempo, non si era riusciti a trovare un accordo con il Consiglio Comunale. Lo stesso varrebbe per il nuovo Piano Regolatore Generale.

(513)

1 Commento

  • Giovanni Crino' scrive:

    Nonostante le buone intenzioni della precedente amministrazione, volte a tutelare la zona del capo Peloro, secondo me la normativa sulla redazione del PRG, con i precisi tempi e modalità di adozione, non può essere aggirata da un dirigente comunale, azzerando l edificabilità di intere parti del territorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *