Il Consiglio Comunale dice SI: anche questo Natale Messina avrà la sua isola pedonale

È ufficiale: anche questo Natale Messina avrà la sua isola pedonale. A dire il SI definitivo è stato il Consiglio Comunale che, alla fine di un intenso confronto in aula, questa mattina ha dato parere favorevole.

Su 22 Consiglieri, i 17 presenti hanno espresso parere favorevole, 4 sono stati i contrari e soltanto 1 si è astenuto.

Presente alla seduta il vicesindaco di Messina, Salvatore Mondello, che ha aperto la discussione sottolineando l’importanza di prendere una decisione che non poteva più essere rimandata oltre: «Il Consiglio comunale può votare quello che ritiene opportuno, ma io propongo di cercare insieme delle soluzioni a quello che la città ci chiede».

Il dibattito sull’isola pedonale a Messina è andato avanti per diverse settimane, portando con sé il dubbio di vedere svanito il progetto per questo Natale 2018. Ma stamattina, in aula, è arrivata la svolta: dopo una lunga ma produttiva discussione la delibera è stata accolta.

Ad essere messo in atto sarà il progetto approvato qualche giorno fa dalla Giunta,che prevede la chiusura di viale San Martino e via dei Mille.

L’isola pedonale a Messina verrà allestita sabato 8 dicembre 2018 e si concluderà lunedì 7 gennaio 2019. Le strade che verranno pedonalizzate saranno:

  • via dei Mille, nel tratto compreso tra le vie Tommaso Cannizzaro e Santa Cecilia;
  • viale San Martino, carreggiata monte e mare, nel tratto compreso tra Piazza Cairoli e via Maddalena;
  • vie Camiciotti, Luciano Manara e Nino Bixio, nei rispettivi tratti compresi tra la via dei Mille e la carreggiata monte di viale San Martino;
  • via Ettore Lombardo Pellegrino, nel tratto compreso tra via dei Mille e via Giordano Bruno.

(309)

1 Commento

  • giovanni pino ha detto:

    Come cittadini residenti, quest’anno abbiamo sperato fino all’ultimo che la logica, quella vera, non quella di “bottega” avesse il sopravvento. Si era visto un barlume: isola pedonale sul Viale San Martino con circolazione libera sia in Via del Mille che in Via G. Bruno, aprendo il tratto davanti all’Unicredit. Invece nulla di tutto questo: una scarna compagine di protesta di una evanescente associazione di commercianti sta montando in queste ore il personale teatrino, dopo aver convinto, non sappiamo come, quei consiglieri che sembravano illuminati ad uno stupefacente voltafaccia. Per alcuni sarà l’isola di Natale, per altri invece inizia una Via Crucis che si spera duri soltanto fino all’Epifania. Tornare a casa da lavoro e parcheggiare sarà una dura impresa. Sopportare clacson, urla e liti per i parcheggi e per il traffico intasato non sarà più facile. Per non parlare poi degli scarichi delle auto concentrate attorno a Via dei Mille, come in una specie di assedio. E per concludere sentirsi additati come nemici della civiltà perché “isola pedonale è bello, civile ed aiuta l’ambiente”…guai però ad auspicare un’isola permanente dotata di ZTL e varchi per ridurre l’accesso anche in zone più vaste della povera Via dei Mille. Non ci siamo tra l’altro resi conto che se continuiamo a dare un’importanza esclusivamente commerciale al problema si creeranno altre associazioni che vorranno un isolotto personale che non serve a migliorare la qualità della vita dei cittadini, unisco scopo reale dell’idea di pedonalizzazione. Ma il piano del traffico risentirà poi degli stessi interessi che hanno preso ora il sopravvento?
    Questa è la vera preoccupazione di un cittadino che si sente sempre più pollo da spennare dopo essere stato ipnotizzato dalle luci degli “Archi di luminaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *