Messina. Il Comune annuncia l’avvio del Reddito di Inclusione

Foto di Palazzo Zanca - Municipio MessinaDal 1 Dicembre i cittadini possono fare domanda per il cosiddetto REI (Reddito di Inclusione): una misura di contrasto alla povertà.

È stato annunciato oggi nel corso di una conferenza stampa presso Palazzo Zanca durante la quale l’assessora alle Politiche Sociali Nina Santisi, insieme al Dirigente Domenico Zaccone e i funzionari e le assistenti sociali comunali impegnati sul tema, hanno spiegato come funzionerà la nuova iniziativa.

Cosa è il REI?

Introdotto dal decreto legislativo n. 147 del 15 settembre 2017, il Reddito di Inclusione è uno strumento che sostuirà il Sostegno per l’inclusione attiva (SIA) e l’Assegno di disoccupazione (ASDI). I cittadini possono richiederlo dal 1° dicembre 2017 presso il Comune di residenza e gli altri punti di accesso convenzionati: caf e patronati.

Il REI si compone di due parti:

  • Una parte consiste in un beneficio economico, erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI).
  • La seconda invece in un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa. Esso è volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune.

La misura, in questa prima fase di applicazione, si rivolge in Italia a un bacino di 1,8 milioni di persone e 500 mila nuclei familiari. Da luglio 2018, grazie alle modifiche previste dalla legge di bilancio, potrà ampliare la sua portata e raggiungere una platea di potenziali beneficiari pari a oltre 700 mila famiglie, per un totale di 2,5 milioni di persone.

«Il lavoro che ci aspetta è importante – ha spiegato l’assessore Santisi – quando si parla di povertà si fa riferimento a fenomeni sociali complessi e delicati. È più opportuno e anche necessario ragionare in termini di contrasto alle povertà»

«Infatti – racconta Santisi – non esiste solo una povertà e non c’è solo il problema del reddito, ma esiste anche la povertà educativa e abitativa. Per questo bisogna costruire politiche integrate che siano in grado di prendere in carico il bisogno in tutte le sue declinazioni»

Per informare i cittadini, il Comune di Messina ha pubblicato sul sito istituzionale l’avviso alla cittadinanza, allegando tutti i punti di accesso per la presentazione delle domande e anche i link utili per accedere alla campagna di informazione del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

«Il successo del programma dipenderà dalla qualità delle sinergie che si svilupperanno tra i diversi attori coinvolti – conclude l’assessore Santisi –  questo tema non si risolve con l’intervento del Ministero o del Comune o di una Associazione. Dobbiamo evitare questo errore. La misura avrà successo non tanto sulla base del numero di beneficiari o dell’importo erogato, ma se saremo insieme in grado di costruire una in- frastruttura, una rete di servizi, una comunità accogliente in grado di aiutare le persone a uscire dalle condizioni di difficoltà e povertà»

Tutti gli aventi diritto beneficeranno della nuova misura dal mese successivo dalla data della richiesta che può essere formulata in qualsiasi momento.

(251)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *