Lotta all’evasione a Messina: oltre 500 i commercianti irregolari

Continua la lotta all’evasione a Messina. A finire sotto il mirino del Sindaco De Luca, questa volta, sono stati i commercianti che non pagano, secondo quanto dichiarato dal primo cittadino, TARES e TARI.

«Madonna mia quanti blasonati evasori – ha scritto De Luca furioso nella sua pagina Facebook. Abbiamo iniziato la disamina dei grandi evasori TARES e TARI: quanti nomi che avrei voglia di rendere pubblici».

I commercianti che evadono le tasse a Messina sono numerosi: «Un blocco di oltre 500 utenti – spiega il Sindaco – che non pagano la spazzatura da oltre 10 anni: la lista è ampia ed indecente».

La lotta all’evasione a Messina è iniziata qualche settimana fa, proprio dall’Amministrazione comunale, con l’avvio del progetto “U pesci feti da testa”: il primo cittadino si è autodenunciato insieme alla sua Giunta ed è emerso che 6 su 9 non erano in pari con il pagamento delle tasse, compreso lui.

«Chi vive grazie al palazzo municipale – aveva affermato il Sindaco – e quindi percepisce lo stipendio grazie ai tributi che paga la comunità, è il primo a dover essere in regola con tributi, tariffe e sanzioni».

(1079)

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *