Lotta ai venditori ambulanti abusivi. Confesercenti Messina chiede più controlli

Confesercenti Messina si schiera al fianco dell’Amministrazione De Luca nella lotta contro i venditori ambulanti abusivi. «La strada tracciata è quella giusta – si legge in una nota – ma è necessario incrementare i controlli sulle attività irregolari che proliferano in tutta la città, da nord a sud e che ledono gli interessi dei commercianti che operano nella legalità, pagando le tasse».

Combattere chi non è regola per difendere chi paga le tasse e lavora nella legalità. Questo quindi il duplice obiettivo da raggiungere, grazie ad una serie di controlli da parte della Polizia Municipale e della Polizia Metropolitana, che nelle ultime settimane hanno portato al sequestro di oltre una tonnellata di frutta e verdura.

«Il giro di vite posto in essere nel corso degli ultimi mesi contro l’ambulantato selvaggio non può che essere apprezzato – continua Confesercenti Messina – se si pensa che le precedenti Amministrazioni erano rimaste sorde a tutti gli appelli lanciati dalla nostra associazione».

«Da sempre infatti, Confesercenti Messina porta avanti la battaglia per il rispetto delle regole e contro l’abusivismo, che penalizza fortemente chi fa impresa in una Messina già al collasso, in cui ogni giorno si abbassano saracinesche, ma  che spesso si trova a dover fare i conti con la concorrenza sleale di coloro che operano al di fuori della legge. E’ fondamentale dunque continuare l’attività di repressione già iniziata nei confronti degli abusivi, ma anche di verifica sulle attività finora risultate regolari, al fine di ripristinare equità e giustizia e limitare la deregulation che negli ultimi anni ha imperversato in città».

(160)

1 Commento

  • Mario ha detto:

    sempre negli stessi posti… ci sono i soliti ostinati… da 50 anni a Paradiso ….
    Il pesce, i fiori ,la frutta…
    Sono l’esempio di uno stereotipo che non vuole morire, tu mi multi oggi è torno domani, mi multi domani ? E sempre lì sono.
    Pessimo esempio per gli altri che vogliono mettersi in regola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *