Le discariche a cielo aperto. Scrive una lettrice

img_3147In questi ultimi giorni si è discusso della raccolta differenziata, che dovrebbe iniziare a breve, e dell’inasprimento dei controlli per tutti coloro che non rispettano gli orari per il conferimento dei rifiuti. Non si è discusso, però, di tutte quelle situazioni che riguardano le discariche a cielo aperto per tutta la città. Cittadini messinesi che prendono di mira una zona, un parcheggio, un allargamento di carreggiata, e decidono di trasferirvi frigoriferi, mobili, televisori e quanto altro.

Tramite una segnalazione giuntaci da una lettrice, siamo venuti a conoscenza di una situazione di degrado e pericolo sulla Strada Provinciale 42, zona Montepiselli, subito dopo la Piazza Gonzaga e fino al Bivio con Via Pietra Santa – Gravitelli, precisamente nelle piazzole di sosta.

Qui, infatti, come dimostrano le fotografie ricevute, si sono venute a creare tre discariche abusive. Si può trovare di tutto: materiale edile, lavatrici, parti di mobili, altri rifiuti solidi di piccole dimensioni, come bottiglie in vetro e contenitori di detersivi. Non solo degrado ma anche pericolo per gli abitanti della zona, per la presenza di pneumatici di automobili e lastre di eternit, il cui smaltimento dovrebbe seguire prassi specifiche.

img_3148

Le zone in cui si trovano queste discariche, nonostante vengano ripulite, tornano a colmarsi di rifiuti di ogni genere.

“Del resto – ci scrive la lettrice, che ha trasmesso un esposto alla Procura della Repubblica di Messina, al Sindaco della Città Metropolitana ed al Comando dei Vigili Urbani per segnalare la situazione – tutto lascia pensare che tali materiali vengano depositati da soggetti che li utilizzano nell’esercizio della loro attività professionale e che non intendono sostenere i costi del corretto smaltimento. Il problema, a questo punto, è assicurare un adeguato controllo e monitoraggio costante della zona. La rimozione dei rifiuti in questione, infatti, non basta più, posto che dopo poche settimane il problema si ripresenta puntuale. Altrettanto preoccupante, onestamente, è l’indifferenza dei cittadini che si ritrovano quotidianamente a passare davanti l’indecoroso spettacolo senza avanzare alcuna protesta in merito”.

Confidiamo in  una celere risoluzione del problema, vista la presenza, nelle discariche, di materiale pericoloso per la salute dei cittadini.

 

 

(123)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *