La pericolosa situazione del torrente Bordonaro tra pneumatici e serbatoi di eternit

foto-4Le condizioni del torrente Bordonaro, in prossimità della scuola elementare e materna di via Primo Molino, sono davvero preoccupanti. Discariche di pneumatici, pericolosi serbatoi di eternit, rifiuti di vario genere: è questo il pericoloso scenario che si presenta. Inoltre, i rifiuti accumulati, possono ostruire il flusso d’acqua durante le piogge.

“Un’autentica bomba ecologica – afferma il consigliere comunale, Libero Gioveni – pronta ad esplodere e a causare, purtroppo, danni inimmaginabili”.

“Ma ciò che fa più impressione – spiega Gioveni – è senz’altro la presenza di questa montagna di vecchi pneumatici che, se incendiati, sprigionerebbero una pericolosa nube tossica che, per la salute dei bambini, si potrebbe rivelare fatale. A questo si aggiunge il rischio di poter inalare, in caso di forte vento, anche polvere d’amianto per la presenza dei serbatoi. Ma come si può essere così spregevolmente crudeli nei confronti dell’ambiente? O, ancora peggio, come si fa a non rendersi conto che è a rischio la salute e la sicurezza di centinaia di bambini? Mi chiedo, inoltre, come non si possa individuare, attraverso verifiche da parte degli organi competenti, chi fra le officine addette alla sostituzione di pneumatici, agisca impropriamente nelle attività di smaltimento delle vecchie gomme, trattandosi di rifiuto speciale e per le cui procedure, quindi, ci si dovrebbe rifare tassativamente al D. Lgs. 152/2006”.

“Non si può non pensare, a questo punto – insiste il consigliere comunale -, visto che non si tratta del primo inquietante episodio di deturpazione dell’ambiente in questa zona, di videosorvegliare un punto così strategico e ad alto rischio del torrente Bordonaro, specie perché così vicino ad una scuola”.

L’ingegnere capo del Genio Civile, Santoro, e l’assessore alla protezione civile, Pino, hanno ricevuto il mini-dossier fotografico, qui pubblicato, che evidenziano la grave situazione del torrente.

 

 

 

(86)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *