La IV circoscrizione trasferita in via dei Mille. Aperti, stamane, i locali alla cittadinanza

palanoqueroSi è conclusa la conferenza stampa che, questa mattina, il Consiglio della IV Circoscrizione ha tenuto nei locali ristrutturati di Via dei Mille, ex sede del Centro Servizi, ex VII Circoscrizione, in occasione della loro apertura alla cittadinanza. Sono state presentate le delibere e gli atti con cui il Consiglio, sin dal suo insediamento nel 2008, ha sollecitato prima il Sindaco, poi il Commissario, a dismettere i locali di Viale Boccetta che rappresentavano un fitto passivo per la casse comunali per oltre 44.000 euro annui. Il Presidente della IV Circoscrizione, Francesco Palano Quero, ha ricordato che già in passato erano state indicate delle sedi alternative, per porre fine a questa spesa: il Palazzo della Cultura, il Muricello, i locali ex ismic (officine ortopediche), i locali a piazza casa Pia del Dip.Cimiteri(scuola Basile). Inoltre con la delibera n°16/2012, il Consiglio proponeva l’accorpamento, in un’unica sede, del Centro servizi e della Municipalità in via dei Mille, «soluzione — spiega Palano Quero — che, finalmente, è stata condivisa dall’Amministrazione, risolvendo contestualmente il problema del reperimento del personale, posto che la IV Circoscrizione ha un’utenza di migliaia di cittadini ogni mese. Con i lavori durati circa 2 mesi, sono stati predisposti logisticamente e tecnologicamente i locali, oltre che per le normali certificazioni e attestazioni di stato civile e di anagrafe, per l’autenticazione delle firme e per i cambi di domicilio e di residenza, per poter emettere, nel breve futuro, le carte d’identità». Il Consiglio ha posto l’accento sull’attuazione del decentramento, che deve essere l’obiettivo ultimo dell’Amministrazione, al fine di offrire servizi di base e manutentivi più economici e più efficienti per la città. «Esprimiamo grande soddisfazione per l’importante risultato raggiunto — conclude il presidente della IV circoscrizione — e auspichiamo che la prossima Amministrazione possa reperire le risorse necessarie all’installazione di un elevatore, abbattendo definitivamente ogni barriera architettonica e sociale». 

(44)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *