Il Tribunale di Messina dà ragione ad ATM: il punto sui rimborsi chilometrici

Foto dei bus atmLa Regione Sicilia dovrà rimborsare 10 milioni di euro all’Azienda Trasporti Messina. È questa la decisione del Tribunale di Messina che dà ragione all’ATM in merito alla differenza del contributo chilometrico nel periodo compreso tra 2012 e il 2016. Fra gli ultimi ad esprimersi sulla vicenda, ci sono le organizzazioni sindacali Cisl, Faisa, Ugl e Orsa che si dicono soddisfatti del risultato ottenuto e rispondo duramente alle reazioni di MessinAccomuna.

«Apprendiamo con soddisfazione – dichiarano Cisl, Faisa, Ugl e Orsa – la sentenza sulla vicenda dei rimborsi chilometrici della Regione che dovrebbe portare nuova liquidità all’ATM. Ancora non siamo riusciti a leggere totalmente i contenuti e le motivazioni, ma, in tutti i casi, se arriva denaro fresco per il Trasporto Pubblico Locale, l’evento è solo positivo. La legittima soddisfazione per l’esito della sentenza ci sta tutta, ma l’enfasi manifestata da “MessinaAccomuna” appare esagerata».

La sentenza del 4 luglio aveva, infatti, scatenato la dura reazione del laboratorio di partecipazione civica legato alla Giunta Accorinti che, in una nota, aveva chiesto le dimissioni del Presidente dell’Azienda Pippo Campagna, e la revisione del piano di riequilibrio della città, esaltando la «sconfitta» della linea politica del Sindaco Cateno De Luca.

«Intanto – continuano i sindacati – l’eventuale rimborso è riferito ai chilometri autorizzati dalla Regione e non a quelli in eccesso percorsi per decisione autonoma della gestione Foti/Cacciola che hanno aggiunto circa 8 milioni di debito al già disastrato bilancio. È inoltre da precisare che, se la Regione non ricorre in appello e ATM incassa il rimborso, la somma in gioco non risolve il problema generale.  Nel migliore dei casi, se si sottraggono i 10 milioni del rimborso chilometrico ai circa 80 milioni di debiti ufficializzati dal revisore dei conti, restano 70 milioni di rosso nel bilancio generale (tanta roba) pertanto, fino a prova contraria, l’ATM ereditata da Foti e Cacciola era e resta, un’azienda bollita dai debiti e in tali condizioni presto avrebbe seri problemi a pagare gli stipendi».

Secondo Cisl, Faisa, Ugl e Orsa non ci sono le prove per sostenere che il  “crack aziendale” di ATM sia scaturito dall’attuale gestione come invece sostenuto da MessinAccomuna. Al contrario, i sindacati sostengono che la responsabilità sia da attribuire all’ex Giunta Accorinti: «Di documenti ufficiali che smentiscono i numeri negativi presentati da De Luca ancora oggi non c’è traccia. Se nessuno riesce a smentire “seriamente” i numeri presentati dall’attuale amministrazione comunale, le eventuali responsabilità del crack aziendale sono da attribuire solo all’ex giunta Accorinti. Al momento – spiegano le organizzazioni sindacali – gli unici fatti certificati raccontano che la gestione Foti-Cacciola non pagava i contributi previdenziali dei lavoratori; circostanza dimostrabile con un estratto INPS di qualunque dipendente. I pignoramenti continui dimostrano altresì che durante la gestione Foti-Cacciola non pagava i fornitori».

I sindacati quindi puntano il dito contro l’ex Amministrazione Accorinti, invitandola a essere più coerente: «Vale la pena ricordare che la Giunta Accorinti, in occasione del contratto di servizio, richiamò e inserì i contenuti della delibera Buzzanca del 14 febbraio 2012 che prevedeva la liquidazione e trasformazione in SpA dell’ATM. In quella fase l’azienda era descritta come virtuosa e la liquidazione non aveva senso perché non motivata dai debiti. Grazie all’intervento tempestivo del sindacato – concludono Cisl, Faisa, Ugl e Orsa – quello responsabile, attento, duro e puro quando c’è da difendere il futuro dei lavoratori, la Giunta Accorinti si vide costretta ad abbandonare il progetto di liquidazione che si stava consumando nel silenzio».

(153)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *