Il primo anno da sindaco di Cateno De Luca. Per la Uil è un «totale flop»

«Pesantissima allergia al dissenso, inaudito odio nei confronti dei lavoratori e totale flop amministrativo» Con queste durissime parole il segretario generale UIL Messina, Ivan Triposi ha commentato il primo anno da sindaco di Messina di Cateno De Luca. Una valutazione sintetica ma che boccia senza alcuno scrupolo il lavoro della nuova Amministrazione.

«Esattamente un anno fa, Cateno De Luca fu eletto sindaco di Messina e oggi, dopo una brevissima fase iniziale contraddistinta da speranza e fiducia, il gradimento del sindaco da parte dei messinesi si è ormai ridotto al lumicino. Il crollo della fiducia nei confronti di De Luca non accade per caso poiché è il frutto di un anno caratterizzato da troppe chiacchiere, inutili promesse e roboanti proclami ai quali è seguito solamente il vuoto assoluto. Nel mentre la città, abbandonata e senza bussola, sta drammaticamente affondando con le ovvie conseguenze economiche e sociali, il sindaco gioca con i social e non dà alcuna risposta concreta in merito allo sviluppo e al futuro di Messina e della sua Città metropolitana. Si naviga a vista evidenziando pesanti deficit e gap amministrativi che si riverberano sui messinesi» ha proseguito Tripodi.

E la mente non può non andare ai vari annunci di dimissioni (spesso postdatate) che Cateno De Luca ha fatto nel corso dei suoi primi dodici mesi da sindaco di Messina.

«Il mondo del lavoro, a partire dai dipendenti comunali, da quelli della Città metropolitana e delle aziende partecipate, manifesta, pertanto, seria preoccupazione riguardo le prospettive future. Certamente, per quanto ci riguarda, non assisteremo silenti alla lenta agonia che sta investendo la città di Messina e, al contrario, saremo parte diligente per proporre una forte e credibile idea di città e di sviluppo che faccia da contraltare rispetto al totale fallimento politico-amministrativo del sindaco De Luca» ha concluso Ivan Tripodi, segretario generale UIL Messina.

(185)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *