Il degrado avanza nei mercati cittadini. Ticonosco «Necessario un intervento di restyling»

mercatovasconeI mercati cittadini, di tipo A e B, versano in uno stato di totale degrado e abbandono. Questa la denuncia del Consigliere Comunale, Salvatore Ticonosco, che ha ricevuto a riguardo diverse segnalazioni da parte degli operatori dei mercati, i quali lamentano la disorganizzazione dovuta a una mancata azione di investimenti per il  “restyling” — più volte richiesto dallo stesso consigliere — di queste strutture. «Si tratterebbe — spiega Ticonosco — di semplici interventi mirati e destinati alla conservazione e al mantenimento delle strutture esistenti». Si rende necessario un intervento, in tal senso,  per tutelare un «settore del commercio che in questa città è considerato volano trainante, poiché rappresenta in termini percentuali il 30% della nostra economia». Più volte il Consigliere Comunale ha cercato di sensibilizzare gli Organi competenti affinché effettuassero interventi di controllo e manutenzione ordinaria e straordinaria. «Molti operatori del mercato Vascone — dice Ticonosco — mi hanno avvisato ma hanno chiamato anche la Centrale Operativa dei Vigili Urbani, perché a causa delle piogge che si infiltravano all’interno dei Box, hanno dovuto interrompere le operazioni di vendita, lamentando un mancato incasso e  danni a strutture, impianti e alimenti». Dal momento che delibera 20/C 1999 stabilisce che il Comune gestisce i mercati di minuta vendita di sua istituzione, organizza ed esercita direttamente ai sensi di legge i servizi di direzione, vigilanza polizia annonaria, igiene per il rispetto delle leggi e di regolamenti generali, il Consigliere Comunale chiede al Commissario Straordinario, Luigi Croce, di intervenire e applicare il regolamento per risolvere le criticità che si sono presentate. «Sarebbe opportuno — conclude Ticonosco —, visti i pregevoli risultati ottenuti da altre sezioni quali decoro, proporre un eventuale accorpamento delle due sezioni, al fine di porre rimedio a tutto ciò».

(49)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *