Il Comitato “Salvare l’Ospedale Piemonte” chiede una precisa presa di posizione ad Accorinti

ME Ospedale Piemonte Messina3Cessione dei locali dell’Ospedale Piemonte all’Ircss Centro Neurolesi “Bonino Pulejo” e trasferimento di tutti reparti, compreso il Pronto Soccorso, al Papardo. Saranno questi i temi scottanti che verranno trattati nella conferenza stampa indetta, lunedì 9 febbraio, alle 10.00, nella Sala Ovale del Comune. Organizzata dal Comitato “Salvare l’Ospedale Piemonte”, l’incontro vuole chiarire i motivi del dissenso nei confronti di tale scelta.

Il Comitato, rivolgendosi direttamente all’assessore regionale Lucia Borsellino, scirve: «Vorremmo sentire queste così importanti quanto gravi decisioni dalla voce stessa dell’Assessore Borsellino»    dice Marcello Minasi, presidente del Comitato.

«Si tratta – continua Minasi – di provvedimenti talmente determinanti per la città, per la salute dei 150mila utenti del Piemonte oltre che per il ruolo strategico in ambito di Protezione Civile, come sottolineato dalla recente lettera del prefetto, Franco Gabrielli, perché se ne affidi la semplice comunicazione alla voce di un direttore generale, che, peraltro, sin dal suo insediamento nell’Azienda ha manifestato un pregiudizio contro il Piemonte, iniziando il suo mandato con esternazioni proprio contro il presidio stesso».

Strategico, in questa situazione, il ruolo del sindaco Renato Accorinti, col quale proprio la settimana scorsa si era svolta una riunione insieme al Comitato “Salvare l’Ospedale Piemonte”, il Comitato “Sanidea” e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil.

«Ad Accorinti – puntualizza Minasi – chiediamo, ancora una volta, di prendere una posizione netta e di farsi portavoce di fronte all’assessore Borsellino, da lui contattato nel corso dell’ultima riunione e in “viva voce”, affinché si convochino d’urgenza i Comitati e le forze sociali, come già più volte richiesto, insieme al Sindaco, massima autorità sanitaria cittadina, al fine di discutere ragionevolmente sul destino del Piemonte e la tutela della salute degli abitanti di Messina che, come confermato pure in questo caso, è sempre trattata quale città di serie B».

Alla Conferenza stampa sono invitati il Comitato “Sanidea”, i sindacati, la deputazione nazionale e regionale messinese, i consiglieri comunali.

Nel corso dell’incontro è prevista la diffusione di documenti che specificano come la risoluzione annunciata dal Dg Michele Vullo sia del tutto «scriteriata e fuori luogo – conclude il Comitato –, non solo per le necessità della città e la natura dell’Ospedale Piemonte, ma anche per le esigenze del Centro Neurolesi chiaramente definite in un protocollo a suo tempo sottoscritto».

(57)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *