Il CGA annulla graduatoria ammissione Medicina Università Messina del 2010

Universita-MessinaIl Consiglio di giustizia amministrativa (Cga), con tre sentenze gemelle del 26 settembre, ha dichiarato la nullità della graduatoria del concorso per l’ammissione al corso di laurea in Medicina dell’università di Messina dell’anno accademico 2010/2011, ammettendo definitivamente tutti i ricorrenti. Secondo il Cga, con la decisione dell’adunanza plenaria del novembre 2013, era stata già annullata “la graduatoria invalidamente formata” da Miur e ateneo che “devono essere condannati ad ammettere i ricorrenti ed a pagare le spese processuali (circa 20.000 euro) del più lungo e tortuoso processo riguardante un test di ammissione”. “Tutto cominciò – commenta l’avvocato Santi Delia – nel 2010, quando insieme al collega Michele Bonetti, accettammo la difesa dell’Udu per contestare le modalità di svolgimento della prova a Messina sulla base delle direttive del ministero dell’ Università. Per la prima volta denunciammo che era violato l’anonimato. Oggi questo giudizio si conclude finalmente in senso favorevole agli studenti che, nonostante la sconfitta innanzi al Tar Catania, sono rimasti uniti e decisi nel continuare una battaglia di legalità che oggi coinvolge oltre 7.500 studenti”. “Grazie al coraggio di questi 12 ragazzi oggi ammessi dopo 4 anni da quel concorso ed all’Udu – continuano Bonetti e Delia – si è stabilito un principio che, solo negli ultimi due anni accademici, ha dato vita a migliaia di ammissioni: se la graduatoria è nulla per violazione dell’anonimato non ci sono tra gli esclusi distinzioni di posizione è punteggio. E’ tutto illegittimo e il diritto allo studio si riespande consentendo ad ogni candidato di poter studiare”. Seguendo il principio della mancanza di anonimato, oltre duemila studenti bocciati lo scorso aprile al test di ammissione alla facoltà di Medicina sono stati ammessi in sovrannumero dal giudice del Tar Lazio e altri 300 studenti di Palermo hanno avuto oggi la sentenza favorevole per la riammissione. (ANSA).

(42)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *