Hai un mezzo sequestrato in custodia? Trattalo bene: rischi la pena di un anno e multe

carabinierigazzellaNella settimana in corso i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno espletato una serie di accertamenti finalizzati a verificare lo stato dei veicoli ultimamente sottoposti a sequestro amministrativo per mancanza di copertura assicurativa e, pertanto, affidati in custodia ai proprietari o ai trasgressori nelle more della definizione del relativo procedimento amministrativo.

In tale ambito sono state rilevate ben 26 violazioni degli obblighi di legge cui sono tenuti i custodi, ai quali non solo è fatto divieto di distruggere, disperdere o deteriorare i mezzi loro affidati, ma addirittura gli è fatto obbligo di farsi parte attiva per impedire che altri possano danneggiarli o sottrarli.   

In particolare in quattro casi è stata rinvenuta solo la carcassa dei mezzi custoditi. Essendo stato accertato che le parti meccaniche mancanti erano state vendute dagli stessi custodi, quest’ultimi sono stati denunciati per il reato di sottrazione e danneggiamento di cose sottoposte a sequestro, reato, contemplato dall’articolo 334 Codice penale, per il quale è prevista la reclusione da un mese a un anno e la multa fino a 309 euro.

Altri 22 custodi, invece, sono stati denunciati per violazione colposa dei doveri inerenti la  custodia di cose sottoposte a sequestro. In questi casi, infatti, non essendo stati rinvenuti dai militari i mezzi sequestrati, i custodi si sono giustificati asserendo che i veicoli erano stati  rubati in data imprecisata, precisando tuttavia di non avere mai presentato denuncia di furto. Detta condotta negligente della persona su cui ricadono gli oneri di custodia, agevolando l’illecita sottrazione da parte di ignoti, nonché la loro impunità, concretizza il reato di cui all’art. 335 c.p. poiché è un comportamento che  di fatto agevola ciò che la norma vuole invece evitare, ovvero la sottrazione del bene e la possibile conseguente soppressione dello stesso.

Per tale delitto è contemplata  una pena sino a  6 mesi di reclusione e la multa sino a 309 euro.

Dall’inizio dell’anno, il Nucleo Radiomobile di Messina ha proceduto al sequestro amministrativo di 184 mezzi per mancanza di copertura assicurativa, violazione sanzionata dall’articolo 193 Codice della Strada con la sanzione di 848 euro. 

(82)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *