La granita più buona del mondo è fatta ad Oliveri, in provincia di Messina

foto di vari tipi di granita È fatta con il pistacchio di Bronte la granita con cui i gemelli Alessandro e Vincenzo Squadrito, di Oliveri, un piccolo comune della provincia di Messina, hanno vinto la prima competizione mondiale per la miglior granita. La gara, svoltasi a Rimini dal 19 al 23 gennaio 2018 in occasione del Salone internazionale di pasticceria e gelateria, ha visto i due fratelli avere la meglio su altri trenta partecipanti.

Gli Squadrito, che per preparare uno dei dolci iconici della cucina siciliana e messinese hanno utilizzato pistacchio prodotto a Bronte da Mastropistacchio, gestiscono insieme il Ritrovo Orchidea di Oliveri e sono maestri gelatieri dal 1994. Oltre alla granita al pistacchio, selezionata per la prova finale, i due messinesi hanno dato al pubblico la possibilità di gustarne una versione alternativa, altrettanto tipica: quella alle mandorle. Ma la gara non è stata dedicata solo alla granita. I gemelli Squadrito si sono potuti cimentare nella preparazione di altre prelibatezze, portando a casa anche il quarto e quinto posto per il gelato al caffè.

La vittoria, hanno commentato Alessandro e Vincenzo Squadrito, non è stata solo loro ma di tutta la Sicilia e della sua tradizione culinaria, e non sarebbe stata possibile se non grazie all’utilizzo di ingredienti scelti di prima qualità. La competizione li ha messi davanti a diverse prove e ad avversari provenienti da diverse parti del mondo con cui si sono potuti confrontare dando il meglio di sé e tenendo alto il nome della cucina non solo siciliana ma anche italiana.

A valutare le prove dei concorrenti è stata una giuria composta da addetti ai lavori: pasticceri, gelatieri e un tecnico del team di Master Chef. Il Salone Internazionale di pasticceria e gelateria (Sigep) è giunto ormai alla sua 40esima edizione e coinvolge annualmente chef e pasticceri provenienti da ogni angolo del mondo. Il prossimo appuntamento è già stato fissato, sempre a Rimini, tra il 19 e il 23 gennaio 2019.

(3441)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *