Giampilieri 5 anni dopo. Nel ricordo di una tragedia che non doveva accadere

messina121Primo ottobre 2014, 5 anni fa.  Primo ottobre 2009, la natura si ribella;  300mm di pioggia (la metà dell’acqua che solitamente cade nell’intero arco dell’anno) in meno di tre ore, nel tardo pomeriggio, trasformano Giampilieri e frazioni limitrofe ( Molino, Altolia, Briga, Pezzolo, Santa Marina ed ancora i Comuni di Scaletta Zanclea e Itala) da ridenti paesini del messinese in  un ammasso di fango e detriti.  37 le vittime, innumerevoli i feriti, oltre 2000 le persone evacuate e, dall’inchiesta che ne segue,  18 gli  indagati per disastro colposo. Mobilitati vigili del fuoco, protezione civile e volontari d’occasione, si continua a scavare instancabilmente tra le macerie, nonostante la pioggia, e le lacrime dei sopravvissuti,  continuino ad essere battenti.

 Il fiume di fango avanza inesorabilmente dalla montagna riversandosi in mare; crollano ponti, case e, con quest’ultime i sacrifici di una vita. Il comune di Messina istituisce nell’immediatezza presso la prefettura un Ccs- centro di coordinamento soccorsi. Nei Comuni di Scaletta Zanclea e Messina vengono attivati i Coc – Centri Operativi Comunali; a Giampilieri viene istituito anche un Coa – Centro Operativo Avanzato che raccorda le operazioni nella stessa frazione e nelle frazioni di Molino e Altolia.

 E’ allerta nazionale. Così, in un attimo svanisce il colore di una Sicilia che, nell’immaginario collettivo,  è perennemente baciata dal sole. Pagine di cronaca nazionale e locale si tingono di un nero indelebile.

Oggi,  diversamente da allora il sole illumina i volti del ricordo. Il pensiero costante va  a coloro che morirono tragicamente ed a coloro che riuscirono a vivere trattenendo negli occhi e nel cuore la tragedia. Per non dimenticare, perché chi dimentica non ha memoria e, chi non ha memoria,  perde la propria identità.

(69)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *