Furti di rame. Anche rione Gescal al buio

rameArriva dal consigliere comunale Libero Gioveni la denuncia dell’ennesimo disservizio alla pubblica illuminazione in città dovuto agli ormai cronici e abituali furti dei cavi di rame in una zona del rione Gescal.

“Anche buona parte di questo villaggio, purtroppo – spiega Gioveni – fa parte adesso del lungo elenco di zone cittadine a cui gli ormai famosi ladri di rame hanno sottratto i cavi di alimentazione dell’impianto, generando gravi disagiai relativi residenti rimasti al buio”.

“Si ricorderanno nell’ultimo anno e mezzo, infatti – evidenzia il consigliere – la parte alta di via Palermo, contrada Citola all’Annunziata, il Quartiere Lombardo, salita villa Contino, la via Catara Lettieri, la via Del Santo, villa Dante, Provinciale e in ultimo (villaggio che non era stato ancora reso noto) Faro Superiore”.

“E non si possono certamente addossare delle responsabilità al Dipartimento competente per i ritardi sul ripristino degli impianti – afferma l’esponente Udc – perché continuando di questo passo, a fronte anche di una disponibilità limitata di risorse, rischia di diventare impresa “titanica” far fronte a questo genere di emergenze”.

“Tuttavia – denuncia Gioveni – anche per Gescal i rischi per la sicurezza degli abitanti sono davvero elevati visto che ultimamente pare si siano verificati anche furti di autovetture”.

“Pertanto – conclude il consigliere comunale – nel chiedere ai tecnici del Dipartimento di provvedere prima possibile al ripristino dell’impianto di pubblica illuminazione in questa frazione del rione Gescal rimasta al buio attingendo anche e soprattutto dai nuovi introiti della Tasi, auspico anche la convocazione di un tavolo di confronto con la Prefettura per studiare e mettere in campo un piano che fronteggi definitivamente l’azione balorda dei ladri di rame a garanzia della pubblica sicurezza”.

(103)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *