Fondi europei. La Sicilia perde 380 milioni di euro per troppe irregolarità

fondi europeiLa Sicilia vede sfumare la possibilità di ricevere integralmente i finanziamenti dell’Unione Europea, che impone un taglio ai fondi di circa 380 milioni su 1,2 miliardi di euro. A confermarlo, una sentenza del Tribunale europeo che ha respinto il ricorso dell’Italia a causa di comprovate irregolarità e mancanza di controlli nella gestione del Piano operativo regionale relativi al periodo 2000-2006.

La riduzione del finanziamento risale al 2015 e va a revocare una decisione del 2004, in cui la Commissione europea s’impegnava a partecipare all’erogazione di fondi strutturali per la Sicilia di 1,209 miliardi di euro, e un cofinanziamento del fondo sociale europeo di importo massimo pari a 846,46 milioni.

Tra le anomalie che l’Italia non è riuscita a smentire c’erano:

  • ritardi nella presentazione dei progetti,
  • spese riguardanti il personale per un tempo superiore alla durata effettiva dei lavori,
  • l’ingaggio di consulenti esterni non qualificati per le mansioni richieste,
  • violazioni nelle procedure.

Il ricorso dello Stato italiano al taglio dei fondi UE è stato, quindi, totalmente rigettato. Sarà possibile ricorrere alla Corte di Giustizia solo per questioni di diritto. Un duro colpo per tutti i siciliani e un’accusa pesante sulle spalle della dirigenza regionale del periodo preso in esame, rea di aver commesso errori madornali dalle conseguenze disastrose.

Stefania Arinisi

(405)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *