Evade 290mila euro. Nibali nei guai con il fisco

Vincenzo-NibaliVincenzo Nibali è finito nella rete del fisco. Secondo quanto anticipato dall’Adnkronos, il campione non avrebbe dichiarato tutti i compensi del 2010 e 2011. In questo periodo, lo Squalo dello Stretto – secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa – ha dimenticato di dichiarare un imponibile di 772mila euro per un’imposta evasa di 290mila euro.

Nel 2010 non avrebbe dichiarato un imponibile di 148.500 euro, di cui 119.300 di compensi per sfruttamento di diritti d’immagine, 3.300 euro di compensi derivanti da canoni di locazione, 10.800 euro per compensi premi e 15.200 euro di compensi derivanti da versamenti, per un’imposta evasa di 63.800 euro.

Nel 2011, si parla invece di 523.600 euro di cui 491.400 di compensi per sfruttamento di diritti d’immagine, 3.500 euro di maggiori compensi derivanti da canoni di locazione, 22.600 euro di maggiori compensi premi e 6.000 euro di maggiori compensi derivanti da versamenti. Il tutto per una imposta evasa di 225.000 euro.

Gli importi evasi superiori ai 50.000 euro hanno fatto scattare una denuncia per il reato di evasione. Nibali ha chiesto al Gup di patteggiare commutando la pena dalla reclusione di 6 mesi in una multa di 45.000 euro. Il Gup ne ha accolto la richiesta.

 

(50)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *