Esenzione canone Rai. Ecco chi può richiederla

partita in tvL’Agenzia Entrate ha fornito indicazioni operative per la richiesta di esenzione dal pagamento del Canone RAI. L’esenzione può essere richiesto nel caso:

– di non detenzione di un apparecchio TV, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica, in alcuna delle abitazioni in cui il dichiarante è titolare di utenza elettrica;

-di non detenzione di un ulteriore apparecchio televisivo oltre a quello per il quale è stata precedentemente presentata una denunzia di cessazione dell’abbonamento per suggellamento, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica, in alcuna delle abitazioni in cui il dichiarante è titolare di utenza elettrica;

– che il canone non deve essere addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante in quanto il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica;

– del venir meno dei presupposti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente presentata. Tale dichiarazione deve essere tempestivamente effettuata qualora vengano meno i presupposti di una dichiarazione sostitutiva precedentemente resa, ad esempio nel caso di successivo acquisto di un apparecchio televisivo.

La dichiarazione sostitutiva può essere presentata in maniera sicura e rapida per via telematica attraverso il CAF CISL. Per l’anno 2016, la dichiarazione sostitutiva presentata in via telematica fino al 10 maggio 2016, ha effetto per l’intero canone dovuto per l’anno 2016. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi presso la sede del Caf Cisl di Messina in viale Europa 58, angolo viale San Martino.

(143)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *